Passa ai contenuti principali

In bici casco sì, casco no

Per i ciclisti arriva il casco obbligatorio, a norma, accompagnato da bretelle o giubbino catarifrangente se ci circola dopo il tramonto e prima dell'alba o si transita in galleria. Per invogliare a spostarsi in città in modo ecologico un emendamento approvato consente ai ciclisti di parcheggiare sui marciapiedi e nelle aree pedonali, a patto che non si intralcino pedoni e disabili.


Ci informa di queste novità Il Sole 24h di domenica 25 aprile.

Sono alcune delle misure introdotte dalla commissione Lavori pubblici del Senato nel Ddl sulla sicurezza stradale. La tabella di marcia del provvedimento prevede lo sbarco del Ddl in aula a Palazzo Madama il 4 maggio, a meno che la commissione non ottenga di approvare il provvedimento in sede redigente.

Su questa novità si è aperto un dibattito: c'è chi vede nel casco un sistema di sicurezza utile, tanto da doverne imporne l'uso per legge, e chi lo vede come un'inutile vessazione.
Se vi va, apriamo anche qui una discussione su questo tema: casco sì o casco no, e perché?

Commenti

cormarco ha detto…
Partiamo dalla foto: un casco sì (ma allacciato). L'altro è decisamente inutile, anzi deleterio. :)
paolo ha detto…
Ma come, cerco di portare la discussione su temi sociali e qui mi si cade sul pecoreccio? ;)
alberto ha detto…
L'ho scritto anche su Roma pedala, vado controcorrente: personalmente l’introduzione dell’obbligatorietà del casco in bici non mi turba affatto. Già ora non riesco a farne senza e chi ha un briciolo di esperienza in bici, non può davvero non consigliarne l’uso, sia in città che fuori città..
Anonimo ha detto…
Come molti grandi utilizzatori di bici, anch'io sono favorevole all'uso del casco, ma,
MA
come hanno ben chiaro TUTTI i veri intenditori di bici e infortunistica, se è vero che con il suo uso aumentano le possibilità di evitare danni per CADUTE a BASSA VELOCITA', di fatto provocate per negligenza o imprevisti o distrazione quasi sempre dal ciclista stesso

POCO però PUO' FARE se si viene INVESTITI DA TONNELLATE DI FERACCIO DI SORCIOCORRENTE microcefalo sles in garrula accelerata ma autodecolpevolizzata preventivamente perchè ciaveva l'ESP sul feticcio tecnologico.

Quindi SI al casco
Ma NO , anzi VFNC (sorry) a chi pensa di aver liquidato con due righe di D.L la faccenda "segurezza" : per quella vera, per un uso sicuro della bici in città, per ridurre lutti e tragedie e nello stesso tempo ridare al ciclismo urbano quotidiano il giusto ruolo di protagonista civile, pulito e silenzioso ci vogliono
AUTOVELOX ,
DOSSI,
ISOLE PEDONALI,
CENTRI CHIUSI,
PISTE CICLABILI
e ZONE 30
come in tutta l'Europa (ciclo) FELIX

I commi sulle leggi nate soprattutto per aumentare la VELOCITA' MAX a 170 (il vero scoop elettorale) sono pateticamente e ipocritamente misere pezze calde
Anonimo ha detto…
Scusa, sono il Caio neh!
paolo ha detto…
Caio, la tua prosa è la tua firma!! Sono felice di leggerti nuovamente qui!
Anonimo ha detto…
Al seguente link potrete vedere il servizio dal titolo "Se vai in bicicletta devi mettere il casco" realizzato da Uniroma.tv

http://www.uniroma.tv/?id_video=15832

Ufficio Stampa di Uniroma.TV
info@uniroma.tv
http://www.uniroma.tv

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l