Passa ai contenuti principali

La ricevuta di parcheggio autovettura

Iniziamo con le prove documentali dell'episodio: questo che vedete nella foto non è un pizzino (anche se lo sembra) ma una ufficiale "ricevuta di parcheggio autovettura"


Sulla "ricevuta" c'è scritto: "PARCHEGGIATO DA SALVO - RIENTRO 30/10/10 - - - 20,00".

Ora però bisogna raccontare la storia.
Siamo a Catania, alcuni giorni fa. E' il 29 ottobre e I. (In realtà I. è una donna con un regolare nome e cognome, ma stavolta la chiamiamo così, per convenzione, ok?) arriva in macchina all'aeroporto: è maledettamente in ritardo, l'aereo sta per partire e lei deve ancora posteggiare. Orrore: l'aeroporto, o meglio le aree circostanti all'aeroporto, sono invase da un traffico caotico, attirato da una non meglio precisata manifestazione commerciale. E, soprattutto, di posti per parcheggiare nemmeno l'ombra. Gocce di sudore freddo imperlano la fronte di I. di fronte alla prospettiva di perdere il volo e di mancare tutti gli appuntamenti che l'aspettano nel continente. All'improvviso una voce fresca, giovane, entra dal finestrino aperto: un "picciotto" alla guida di uno scooter si avvicina alla macchina imbottigliata nel traffico e, in stretto dialetto catanese, dice: "Signòra, mmi sègua". I. è preoccupata, non sa che fare, il picciotto non ispira fiducia a prima vista, ma la paura di perdere il volo vince le ansie e I. si trova a seguire lo scooter che, novello Mosè, le apre con tutti i mezzi un passaggio fra le macchine bloccate. Imbocca strade contromano, vìola in pochi metri una ventina di articoli assortiti del codice della strada, ma alla fine arriva su un piazzale interno dell'aeroporto che fino ad allora aveva pensato servisse alle manovre degli aeroplani.
Il giovane scooterista le fa cenno di fermare la macchina, si avvicina e riscuote il (modesto) prezzo del suo intervento. Dopodiché, con classe, prende la penna e verga su un foglio le poche righe che avete letto nella foto all'inizio di questa storia. E I. parte, convinta che al ritorno, lì dove lei ha lasciato la sua auto, troverà un Airbus 320 in manutenzione.

Siamo ora al 30 ottobre, il giorno successivo. Sono le 23.00, è buio, piove.
I. scende dalla scaletta dell'aereo consapevole di cosa l'attende al rientro a casa se non troverà più la macchina. Un primo assaggio l'ha avuto al telefono, quando ha confidato al marito di aver lasciato la macchina di famiglia in custodia al "picciotto" catanese. Percorre i viali bui e bagnati, gira un angolo e...in fondo al piazzale, un flash: la macchina. C'è tutta, nel senso di carrozzeria, motore, accessori, sedili, batteria, ruota di scorta. Si avvicina con passo sempre più veloce, seguendo il ritmo del cuore che batte all'impazzata per la gioia. E' quasi arrivata quando alle spalle una voce la gela: "Signòra, ma ce l'ha la rricevuuta?". Un uomo non alto, ben piazzato, con un giubbino catarifrangente giallo le è dietro. Potrebbe essere un vigilante, un addetto dell'aeroporto, un malintenzionato, chissà. I. non sa cosa dire, non sa cosa fare. Una sola cosa le viene in mente, sapendo che le costerà cara. Prende dalla tasca il foglietto spiegazzato datole il giorno precedente da Salvo e, tremante, lo porge all'uomo. Rimane lì, impaurita della reazione che dovrà fronteggiare.
"Tutto a posto, signòra, si accomodasse", fa l'uomo, e con un gesto elegante apre la portiera della macchina,  abbozza un elegante inchino e la saluta, mentre I., frastornata, si allontana in macchina lungo il viale.

Commenti

Cristiano dalianera ha detto…
L'incredibile esiste. Prima della fine dei tempi scriverò un libro sull'autodeterminazione delle genti del sud. Con i pro e i contro, siamo i paladini del diritto naturale!
Anonimo ha detto…
Mitico (detto come lo direbbe Homer Simpson) !!!

i. (omonima della protagonista)
paolo ha detto…
per i. omonima: peccato che far Catania e i luoghi dove tu vivi ci siano così tanti km di distanza! Pensi che da te sarebbe stato possibile un caso del genere?
m
Bikediablo ha detto…
Una 20ina di anni fa tornando da Napoli con un collega per non perdere il treno decidemmo di mangiare a bordo, convinti che ci fosse un bar (illusi) invece c'era l'abusivo con i panini (venduti a peso d'oro), ci fece la ricevuta scritta a matita, su un pezzo di carta del pane, al lavoro ci rimborsarono senza battere ciglio :-DDD
dopotutto è lo stesso discorso delle ricevute dei taxi...

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l