Passa ai contenuti principali

Bici, sicurezza e tecnologia

Uno dei temi più discussi dai ciclisti è quello della sicurezza su strada e delle modalità di condivisione dello spazio con il traffico motorizzato.
I problemi sono arcinoti: mancanza di percorsi riservati alle biciclette, arroganza degli automobilisti, ciclisti alle volte troppo disinvolti...

In questi ultimi mesi sono state presentate delle "invenzioni" che dovrebbero, nella mente degli inventori, mitigare i rischi e rendere più semplice la coabitazione su strada di bici e traffico motorizzato.

L'invenzione, ma sarebbe meglio dire "l'applicazione" più interessante è proposta dai designer di "Altitude", che propongono una pista ciclabile "virtuale", chiamata "light lane" da usare di notte. In pratica un apparecchio laser montato sulla bici disegna posteriormente e lateralmente alla bici il profilo di una pista ciclabile, con tanto di logo, inducendo alla prudenza gli automobilisti e rendendo molto visibile il ciclista nel buio.
L'effetto finale dovrebbe essere più o meno questo:La seconda invenzione, definita "speedvest" e ripresa anche dal quotidiano The Telegraph è meno interessante e non mi sembra offrire un aumento dei margini di sicurezza. Si tratta di un giubbotto da indossare in bici, che sulla schiena mostra la velocità alla quale il ciclista sta andando. Il principio è semplice: un normale rilevatore di velocità è posizionato sulla forcella anteriore. Questo è collegato, tramite un trasmettitore, ad un micro ricevitore che decodifica il segnale e fa illuminare i led posti sul giubbotto così da comporre il numero della velocità. Risulato? Questo:Che ne pensate?

Commenti

Anonimo ha detto…
Ne penso che è 'na strunzata, costosa e forse ancor più pericolosa, perchè non immediata e ambigua.
Con 1 Euro ormai si acquista il kit completo ant/post a led luminosissimo e duraturo.
Se si volesse fare qualcosa di concreto per la sicurezza di tutti, TUTTI sanno DOVE E COME intervenire, in sintesi:


M O D E R A Z I O N E DEL TRAFFICO!

Il delirio di (im)potenza del sorciocorrente va stroncato con fermezza facendo rispettare i limiti di velocità urbani, introducendo zone 30, isole e ciclabili.

NON CI SONO ALTERNATIVE.

AVe caiofabricius VALE
Anonimo ha detto…
Mi associo al pensiero di caiofrabicio, con la differenza che a me pare non una ma ddoie strunzate.
Nel primo caso è più facile che l'automobilista che segue si distragga, ed in ansia di capire quale simpatico disegnino il mio deretano proietti mi stiri con nonchalance.
Nel secondo caso invece prevedo l'investimento colposo in quanto l'automobilista staccherebbe le mani dal volante per utilizzare penna e taccquino annotandosi i numeri da giocare al lotto.
Ovviamente segnalati dal quel buffo omino luminescente li davanti.

PS: ho preso in prestito la tua "bicirassegnastampa", magocì! ^__^ molto, ma molto widget!

Cristiano dalianera
paolo ha detto…
@ Cristiano. Hai fatto benissimo! Il web 2.0 funziona così: i saperi viaggiano da un sito ad un blog, e via così, arricchendosi ogni volta e arrivando dove mai l'originario creatore avrebbe immaginato!
BICICAPITALE ha detto…
rispettare i limiti di velocità!!!! il resto sono fronzoli...fronzoli attraenti ma fronzoli.............
BICICAPITALE ha detto…
rispettare i limiti di velocità!!!! il resto sono fronzoli...fronzoli attraenti ma fronzoli.............

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l