Passa ai contenuti principali

Ci sono...ci sono

Ci sono... ci sono, tutt'é che mi ritorni la "fantasia" e poi ricomincerò a postare qualcosa.
Intanto eccovi qualche immagine scattata nei giorni di assenza da questo spazio, a Padula, in Campania, in provincia di Salerno, vicino al confine con la Basilicata.

Non mi va di ripetere il solito slogan "andate a vederla...è bellissima...". Decidete come vi pare, ma è indispensabile che sappiate che questo capolavoro esiste, è stato completamente restaurato, si può visitare ampiamente. Poi fate come volete.

Signori...la Certosa di Padula

Certosa di Padula. Il cortile d'ingresso



Certosa di Padula. Il refettorio grande



Certosa di Padula. La cucina


Certosa di Padula. Il chiostro grande


Certosa di Padula. Particolare del chiostro grande

Commenti

Anonimo ha detto…
Che giornata Meravigliosa! ..a parte il freddo.
Aneddoto: Ho parlato con la Prof di Arte di tuo figlio e le ho raccontato che siamo andati a vedere la Certosa...beh non ci crederai non la conosceva! Non sapeva neppure che esisteva.

MAP
Anonimo ha detto…
Ciao Paolo, di nuovo Buon Anno!
Temevo avessi mollato pure Tu, come sconsolatamente ragionava il Mammifero Bipede.
Mi permetto di aggiungere che dalla meravigliosa Certosa di Padula si dipartono decine di itinerari mozzafiato nell'intonso e sconosciuto CILENTO che riempiono il cuore , le mente, gli occhi e la panza, sia verso il mare, ma, soprattutto, verso l'interno. Da non mancare assolutamente la risorgenza del fiume Bussento a Morigerati e una serata fra i suoi accoglienti paesani.

AVe caiofabricius VALE.

(P.S. l'insegnante di Storia dell'Arte per scontare il fio dovrà essere portata coattivamente alla ciclovisita all'alba del 15 marzo nei Rioni S. Angelo, Regola e Campitelli...
paolo ha detto…
Mi stupisce che non conoscesse la Certosa di Padula...ma sei sicura di averle descritto questa e non il, o meglio "U" Turrione?
Cos'é 'u Turrione? Aspettate e vedrete!

Per Caio: il Cilento era una delle terre più belle che abbia avuto modo di vedere. Mi capitò, circa 30 anni fa, di fare una visita all'antica di Velia (Elea) e rimasi estasiato. Feci un bagno solitario in mare fuori stagione in slip lungo la strada a Marina di Camerota. Difficile da spiegare, ma il richiamo dell'acqua fu tale che il mio papà ed io non resistemmo e, fermata la macchina, ci tuffammo nell'acqua, peraltro "freschetta".
Però...però...se ti raccontassi cosa sta succendo oggi in quelle terre, altro che MARP. Basti dire che il teatro dell'antica Velia è stato smontato e ora, avendo smarrito la pianta di posizionamento dei blocchi, non sanno più rimonatarlo. Il cemento avvolge tutto. Nelle foto che ho postato ho cercato di non inquadrare il paese che incombe sopra la Certosa, ma non è stato facile. Ovunque strade, case, cemento, automobili...
Anonimo ha detto…
Ciao Paolo e tutta la bella compagnia,
Ci sono anch'io, anche se non sembra, ma sono talmente sommersa di lavoro che é difficile anche solo passare sul blog per un salutino.
Ora scappo, devo immergermi nel mare dei conti.... aiut!

Mamaa
Anonimo ha detto…
Bellissima la certosa di Padula, buona la dritta mago ! quando ci sarà l'occasione non me ne dimenticherò. Le tue dritte sono preziose. Ho ancora negli occhi e nel cuore la bellezza di Marina di Camerota, Palinuro, Ascea, fino a Paestum ed oltre. Quanti anni son passati ?? 30 per te e 8 per me... azz !

baci diffusi

i.

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l