Passa ai contenuti principali

Le fontane di Roma, viaggio nel degrado

A proposito di #iosonoRoma , non tutto è semplice come sembra. Ci sono situazioni che con tutta la buona volontà i cittadini da soli non potrebbero mai risanare. Immaginiamo di seguire un turista virtuale in una passeggiata in Prati, lungo i viali alberati dell'elegante quartiere fra S. Pietro e il Tevere. Con noi sarà il fotografo Paolo Cerino, che cercherà di documentare con le sue foto quello che il turista vedrà.

Partenza da piazza Monte Grappa, dove è collocata un'opera d'arte del celebre artista polacco Igor Mitoraj, scomparso meno di un anno fa e autore anche degli splendidi portali laterali della Basilica di Santa Maria degli Angeli. E' la Dea Roma,

una statua-fontana alta oltre 6 metri, donata da Finmeccanica (che ha la sede sulla piazza) alla città nel 2003. Oggi però la situazione appare drammatica: il giardino è completamente circondato dalla onnipresente rete rossa di plastica che delimita i lavori in corso o le zone a rischio.

La statua emerge, ma solo grazie alla sua altezza, da un groviglio di erbacce e papiri, fra pietre divelte e muretti sconnessi.

La sensazione che si prova è simile a quella di Indiana Jones quando trova un reperto antico nel cuore della giungla. Di acqua ovviamente non esce nemmeno una goccia, ma qualche abitante del luogo informa che da anni la fontana è chiusa. Il volto della Dea Roma è deturpato da muffe e incrostazioni, la superficie della statua è ingiallito, e sembra rappresentare perfettamente la città di cui porta il nome.

Il turista allora imbocca viale Mazzini e si dirige verso l'omonima piazza, diretto alla "fontana giardino", costruita nel 1927 sul modello di un antico ninfeo, all'interno di un ampio giardino.

La grande vasca centrale è abbastanza pulita, ma irraggiungibile perché il vialetto che la circonda è completamente allagato,

segno che le bocchette di scarico sono otturate. Impossibile anche bere: le fontanelle o sono irraggiungibili o sono rotte o chiuse.

A memoria della loro funzione rimane la scritta scolpita nella pietra "Acqua Trevi", a testimonianza che l'acqua che scorre è quella dell'Acquedotto Vergine, quello che termina con la spettacolare mostra di Fontana di Trevi.

Il giardino al centro di piazza Mazzini purtroppo è sede di alcuni senza tetto che utilizzano l'area come un vero e proprio campeggio:


nascosti dietro le siepi giacigli di cartone, stoviglie, finanche un set da barba, rendendo problematico anche il solo passeggio.


L'ultima possibilità che rimane al povero turista è quella di camminare lungo viale delle Milizie con destinazione piazzale degli Eroi, per l'ultima fontana "monumentale" ai margini del quartiere Prati. La fontana di piazzale degli Eroi è la mostra terminale dell’Acquedotto del Peschiera, ed è datata 1949.

L'aspetto è modesto, ma lo sporco nell'acqua e le incrostazioni sul vascone di cemento la intristiscono ancora di più.

Una colonia di gabbiani se n'è appropriata e la difende con aggressività verso chi tenta di avvicinarsi.

Al turista non rimane che ammirare lo scorcio di panorama dominato dal cupolone di S. Pietro e andare a cercare il fresco in una zona più accogliente.

Commenti

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l