Passa ai contenuti principali

Bike sharing: a Roma lo lasciamo morire?

Ogni tanto mi ricordo che questo blog è nato per parlare di biciclette e del mondo del ciclismo urbano, e così provo a riprendere un filo di riflessioni che purtroppo però spesso non sono positive.
La riflessione di oggi è sul servizio di Bike Sharing, nel confronto fra a Roma e a Milano (peraltro semplificato, visto che le due città sono amministrate da giunte della stessa parte politica, a dimostrazione che l'attenzione alla qualità della vita e alla mobilità cittadina non è questione di destra o sinistra ma di volontà).Innanzitutto spiego cosa è il bike sharing: si tratta di un servizio pubblico che consente di utilizzare per un breve periodo di tempo una bicicletta, prelevandola da una "stazione" e consegnandola nella stessa o in un'altra stazione. Il servizio è automatico e le operazioni di prelievo e riconsegna avvengono con una carta magnetica che attiva e disattiva i blocchi cui sono assicurate le bici. I costi sono variabili, ma generalmente, tranne che a Roma, la prima mezz'ora è gratuita, e poi il costo cresce in misura progressiva con il passare del tempo. In media possiamo dire che si paga circa 1 euro all'ora.Lo scopo del Bike sharing è quello di incentivare la mobilità ciclistica in città, evitando il problema di dover uscire da casa con la bici e di dover poi trovare un parcheggio sicuro una volta giunti a destinazione.
Questo servizio è attivo in molte città del mondo, ma quella che più lo ha valorizzato è stata Parigi con il "Vélib". In Italia è presente in alcune città, ma è gestito con criteri ed obiettivi vari.
Ad esempio, l'obiettivo del bike sharing di Roma è quello...di farlo fallire, di dimostrare che Roma non è adatta a questo servizio e che quindi è inutile investirci sopra.
La prima prova di questa affermazione è nei numeri: a Roma 200 biciclette, a Milano 850. Le stazioni: a Roma 19, a Milano 90. Gli abbonati: a Roma 3.200 (includendo anche gli iscritti al servizio svolto fino a giugno da una società privata), a Milano oltre 12.000 (nella somma delle varie tipologie: annuale, settimanale, giornaliero).
E poi c'è la gestione quotidiana: ecco un raffronto visivo tra le due stazioni "gioiello" dei bike sharing di Milano e Roma: piazza del Duomo e piazza di Spagna:
Credo che le foto siano esplicative senza bisogno di particolari note. A Milano la "stazione" è in grado di rilasciare molte bici e, infatti, durante il mio sopralluogo (erano circa le 17.00 di un martedì) sono state riconsegnate e prelevate oltre 5 bici.
A Roma invece la stazione è priva di bici (essendo prima delle 9.oo di mattina, non credo che fossero già state tutte noleggiate) e durante la mia permanenza sul sito almeno due persone hanno dovuto rinunciare all'intenzione di prelevare una bici.
E non si può nemmeno dire che si trattasse di una situazione eccezionale o anomala perché alla stessa ora in altre due stazioni la situazione era questa:

via della Panetteria: 1 bici

via di S. Maria in via (fontana di Trevi), 3 bici

La verità è evidente: il servizio a Roma non è curato, non è promosso, non è gestito e sarà lasciato languire, come sta già accadendo per le piste ciclabili, di fatto lasciate andare in malora, interrotte da lavori edili, fagocitate dalle bancarelle delle manifestazioni commerciali, cancellate dai piani della viabilità cittadina.
E allora via libera a SUV, scooter, "macchinette", automobili ovunque, in (lento) movimento e posteggiate (ovunque) in doppia fila. Ma questo è un altro discorso.

Commenti

Mammifero bipede ha detto…
Siamo in democrazia: abbiamo quello che "la maggioranza" si merita.

E, certo, magari noi ci meriteremmo di meglio, ma... :-(

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l