Passa ai contenuti principali

Cosa è rimasto dopo la piena del Tevere?

Cosa è rimasto dopo la piena del Tevere?

Relitti accartocciati che i vigili del fuoco cercano di rimuovere e...



...migliaia di sacchetti di pastica "filtrati" dagli alberi, i cui rami per alcune ore sono rimasti sotto il livello del fiume.

Tristi monumenti alla nostra incuria, alla nostra incapacità di vivere in sintonia con la natura rispettandola e curandola.

Commenti

Anonimo ha detto…
Siamo alle solite...
Circa 3 anni fa si dibatteva accesi, poi tutto si dimentica e tutto ricomincia. Ti allego copia dei carteggi di allora, interessanti anche perchè compaiono le nobil gesta del soldatino di Corrottolo oggi a difesa di Ponte Milvio, ieri ....


"Buste sugli alberi del Tevere: fra poco se ne andranno da sole (nel mare , purtroppo)"

Data: Lun, 27 Feb 2006 10:21:12


“…Tevere, al via l'operazione bonifica. Con un emendamento alla Finanziaria
regionale saranno stanziati cnque milioni di euro, di cui due destinati
all'Aniene. Investimento extra per eliminare le buste di plastica dalle
banchine . Un investimento straordinario per bonificare le sponde del Tevere,
per liberare gli alberi sulle banchine dalla soffocante morsa delle buste di
plastica portate dalla piena natalizia, che da oltre due mesi hanno stravolto
il paesaggio fluviale.”

A me sembra pura follia buttare tanti soldi così. Amo e frequento in bici la
banchina e mi fa orrore il degrado, ma il Tevere da novembre a marzo fa
continuamente su e giù e, anche dopo una radicale pulizia, in un paio di
giorni di piena medio-piccola le buste ritornano sugli alberi. Tenerlo pulito
è compito nobile, modificare le tristi abitudini incivili dell'"abusa e getta"
di plastica dalla Toscana all'Umbria all'alto Lazio un' impresa titanica. Se
ci sono risorse si migliori lo scomodo fondo della ciclabile in sanpietrino
fino a Ponte Nenni e in cemento sbrigativo fino a Ponte Risorgimento (ma senza
fallo sapè ad Alemanno che accusa Veltroni di dilapidare soldi in ciclabili- e
non è una battuta-)

La primavera farà sbocciare gemme e foglie che staccheranno naturalmente le
buste dagli alberi e, come purtroppo succede da oltre 40 anni, nessuno le
vedrà più (salvo il povero Mare Nostrum che continua ad ingoiarle anche se non
si vedono, anche d'estate). Gli ambientalisti statalisti noglobal misero tempo
fa una tassa sui sacchetti di plastica per limitarne l'abuso ma la GGente di
Alemanno et al. fece una sommossa: che nessuno tocchi le gioie vere del 2000 -
TiVi e supermercati ! )


Roma, 27/2/06
AVE caiofabricius VALE

e: R: Buste sugli alberi del Tevere: fra poco se ne andranno da sole (nel mare , purtroppo)
Data: Lun, 27 Feb 2006 20:30:20


Ciao Gabriella,
insisto sull'autopulizia degli arbusti perchè è un fenomeno che osservo da
anni. Schifato non solo quest'anno, ho notato anche negli altri anni che la
vegetazione emergente riesce "a strapparsi di dosso" i pezzi di plastica,
complice anche il vento e le piogge intense. Certo i pezzi più grossi e
incastrati rimangono lì, ma questo non giustifica spese milionarie. Se con
quei soldi si bonificano massiciamente le banchine e si migliora il fondo
della ciclabile (oltre a prolungarla fino al mare) gli ambientalisti che amano
Roma, il suo Fiume e il suo mare non possono che trarne durature
soddisfazioni, anzichè frustranti ed effimere leccatine di facciata. La plastica andrebbe comunque "contenuta", ma dopo le forti spinte degli anni
passati mi sembra che oggi non freghi poi più di tanto, salvo queste improvvise fiammate. Il mare e i fiumi sono strangolati dalla plastica, l'unica possibilità di ridurla è agire sul piano economico.

Io sto continuando a preparare il seminario (e la visita guidata in biciclett....

Ciao, Fabrizio
>

E tutto continua a scorrere..
(sotto l'occhialone di Ponte Sisto (13 m.), e allora ce se pò annà a cuccà in pace, cò bona pace de Bertolaso e de Scai)

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l