Passa ai contenuti principali

Un appello al PD: interrompete voi il dialogo con il cav B!

Cari amici del PD, ho una proposta da formularvi, una proposta che parte da una constatazione: negli ultimi giorni Berlusconi è stato chiaro "Non mi siederò mai al tavolo con questa sinistra leninista e antidemocratica. E sulla giustizia sono pronto a cambiare la Costituzione" le sue parole. E continuando ha detto "Ha ragione Bonaiuti quando dice che (i partiti di opposizione) sono marxisti leninisti. Ci vuole un cambio di generazione per avere da noi una socialdemocrazia. Non accetto di parlare con questo tipo di persone".

Mi sembra dunque chiaro che il cav B non voglia parlare con l'opposizione, o che, peggio, voglia imporre lui all'opposizione tempi, modi e contenuti del dialogo.

Ma allora, signori del PD, perché non prenderlo per una volta in parola? Interrompete ogni dialogo con il PDL, ad ogni livello (nazionale, locale, informale), chiudete le porte ad ogni forma di confronto, anche televisivo o radiofonico, lasciatelo una volta per tutte solo con le sue ambizioni, le sue fobie, i suoi deliri. Coordinate centralmente tutte le uscite pubbliche dei vostri dirigenti e concentratele sui temi che a voi stanno più a cuore.

Sottraetevi quindi al sadico gioco dell' "agenda". Oggi infatti sono i sudditi del cav B che incalzano l'opposizione, sottoponendo al Paese i temi del dibattito politico. In una realtà "normale" dovrebbe invece avvenire il contrario, dovrebbe cioè essere l'opposizione a proporre i temi del confronto e a sollecitare ed incalzare la maggioranza.

Prendetevi perciò le vostre responsabilita: credete che i temi centrali dell'iniziativa politica debbano essere oggi la crisi economica, il sostegno a famiglie e piccole imprese? E allora spingete su questi argomenti senza replicare alle bordate via via più insidiose su magistratura, federalismo, scuola e altro.

Siate voi gli attori del dibattito e lasciate alla maggioranza isolata politicamente la responsabilità di decisioni che la porteranno certamente allo scontro con i suoi elettori, che non potrà certo accontentare sempre e comunque!

Commenti

Anonimo ha detto…
La politica vera è altra. Questo è mero esercizio di potere e conseguenti equilibri.
Ma non da oggi. Chi ha orecchie per intendere intenda questo:
http://it.youtube.com/watch?v=70CjTqBx6Co

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l