Passa ai contenuti principali

Ma allora sperare non è ancora un reato!!

Come avrete notato, ho inserito in testa al blog il banner prodotto da Legambiente per pubblicizzare le iniziative di opposizione al nucleare.
Del tema nucleare già avevo parlato in un precedente post, ma ho ritenuto utile evidenziare per qualche settimana che in questo blog la linea di pensiero è chiara: sono contrario all'utilizzo su larga scala dell'energia elettrica prodotta da centrali nucleari. Sono contrario per paura ma anche per convinzione economica. Purtroppo però i nostri attuali governanti vedono lontano quanto una talpa affetta da miopia, e preferiscono misure di respiro cortissimo a iniziative di tipo strategico.
Basti pensare a quello che sta avvenendo per fronteggiare la crisi economica che ci attanaglia: la risposta migliore che hanno dato qual è stata? incentivi per la vendita di nuove automobili. Quindi, in altre parole, saranno spesi soldi pubblici per aumentare il traffico, continuare ad avere un'aria mefitica (tranquilli, inquinano ben bene anche gli euro 4 ed euro 5!), intasare le strade, continuare nella scia di sangue che il traffico convulso determina come conseguenza quasi inevitabile e legarci sempre di più nella dipendenza dai paesi produttori di fonti di energia, sia petrolio o gas o carbone. Ma noi, che di fonti di energia fossile non abbiamo, perché non investiamo tanti soldi e tanti cervelli nella ricerca di modalità di sfruttamento della luce del sole, del vento, dell'acqua? Ci dicono che non esistono alternative, e non è vero.
Infatti stamattina Legambiente e CGIL hanno presentato un progetto che prevede il recupero di 15 miliardi di euro, equivalenti all'1% del Pil, e la creazione di 350 mila posti di lavoro intervenendo nei settori produttivi industriali italiani: quattro sono le aree strategiche, energia, casa, trasporti e sicurezza ambientale. Di questo progetto ne parleremo ancora, quando saranno resi noti i dettagli. Per oggi sono contento di una scoperta: sperare, in Italia, non è ancora un reato!

Commenti

Anonimo ha detto…
La migliore energia è quella che non si consuma.

Metà dei consumi sono sprechi compulsivi di oturie mollicce e viziate.

I black-out elettrici si sono avuti SOLO in estate a fabbriche chiuse per l'abuso dei neo-feticcetti (i condizionatori).

Ai Bananas, protagonisti e votanti, sia ai deficienti che ai conniventi, non frega una mazza dell'autonomia o risparmio energetico: ai loschi interessa solo l'ennesimo grosso affare dove lucrare, fosse pure quello ultimo, il tombale per il territorio di tutti.

AVe caiofabricius VALE
Anonimo ha detto…
Ma allora sperare non è ancora un reato!!

Infatti, non ci rimane altro che sperare. Purtroppo!
Anonimo ha detto…
Basta lagne!
Qui oltre a sperare si combatte pure!
Perché o si combatte o si muore e francamente preferisco da morì lottando nel tentativo di lasciare un mondo migliore ai miei figli, che morire subendo passivamente il quotidiano lavaggio del cervello di televisioni/politici e compagnia!!!
Speranza o illusione?
Me vanno bene tutte e due.

Mamaa

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l