Passa ai contenuti principali

Cosa ne pensano gli italiani del nucleare

Nei giorni scorsi molti quotidiani hanno dato risalto ad una ricerca Demos dal titolo "gli italiani e il nucleare". I titoli erano più o meno di questo tenore: Gli Italiani e il nucleare, maggioranza favorevole.
Sono allora andato a cercare la ricerca Demos ed i risultati che trovato non sembrano sostenere questi titoli.
Dal grafico emerge che meno della metà degli intervistati è favorevole alla produzione dell'energia elettrica dal nucleare.

Questa valutazione si amplia ulteriormente se si vede che solo il 41% è favorevole alla costruzione di una centrale nucleare nella provincia dove abita

La sensazione è che nelle valutazioni giornalistiche i risultati siano stati "piegati" alle valutazioni che l'attuale maggioranza di governo ha sviluppato su un ritorno italiano al nucleare.
A questo punto allora le domande vorrei porle io oggi ai nostri politici:

  1. Poiché allo stato attuale delle conoscenze scientifiche non è possibile rendere inerti le scorie dei materiali radioattivi utilizzati nelle centrali nucleari, come pensano di smaltire le scorie delle centrali italiane?
  2. I materiali radiottivi necessari al funzionamento delle centrali sono presenti nelle miniere di pochi stati. La conseguenza sarà un rapido aumento dei costi, con una situazione analoga a quella della dipendenza odierna dagli stati produttori di petrolio. Come pensano di evitare questa nuova forma di dipendenza?
  3. Le conoscenze scientifiche e tecnologiche non consentono di avviare entro i prossimi 10 anni la costruzioni di centrali nucleari a "fusione". Pertanto in Italia verranno costruite centrali nucleari del tipo a "fissione". Come pensano di gestire i temi della sicurezza di queste centrali che hanno dato giganteschi problemi nei paesi dove sono state realizzate?
  4. In Italia esiste una società (la SOGIN) che deve ancora iniziare il decommissioning (la chiusura del ciclo di vita delle installazioni nucleari) delle centrali e dei siti nucleari costruiti in Italia nella seconda metà del XX secolo e chiusi in seguito al referendum del 1987: Trino, Caorso, Latina, Sessa Aurunca, Saluggia, Bosco Marengo, Casaccia. Come pensano di attuare il decommissioning delle progettate nuove centrali quando avranno esaurito il loro ciclo vitale?

Ecco, quando avrò ricevuto una risposta scientifica e non demagogica a queste domande potrò valutare che tipo di risposta dare alle domande dell'indagine DEMOS.


Nota sulla metodologia seguita per l'indagine Demos "gli italiani e il nucleare":
Il sondaggio è stato condotto da Demetra
(sistema CATI, supervisione: Giovanni Pace) nei giorni 1-8 ottobre 2008. Il campione,
di 1300 persone, è rappresentativo della popolazione italiana con oltre 15 anni per
genere, età, titolo di studio e zona geopolitica di residenza.

Commenti

Anonimo ha detto…
MITICO MAGOCICLO!
Prima ancora di finire di leggere il post avevo in mente già le stesse domande!
Infatti sarebbe bastato aggiungere al sondaggio, dopo le domande sull'essere favorevoli all'apertura di nuove centrali, all'apertura di nuove centrali nella propria provincia, la seguente: sarebbe favorevole allo stoccaggio delle scorie radioattive nella cantina di casa sua?

Mamaa
Anonimo ha detto…
Mi sembra che il popolo della Rete sia almeno concorde su un fatto:

Il nucleare a da tornà
perchè quarcheduno cià da magnà
dell'energia nun je ne sbatte n'cà
ma ch'almen le scorie s'adan stoccà
nel sito unico dell' Arcoriàn

AVe Caio,
se solo il 20% pedalasse
ritornerebbero le vacche grasse
Anonimo ha detto…
Se er 20% pedalasse
n'artra scusa potrebbe 'nventasse

e se le bollette potesse truccà
hai voja Caio, a pedalà.

giancamar
l'amaro pedalo
cristiano dalianera ha detto…
"...cadde dal cielo una grande stella, ardente come una torcia, e colpì un terzo dei fiumi e le sorgenti delle acque. La stella si chiama Assenzio; un terzo delle acque si mutò in assenzio e molti uomini morirono per quelle acque, perché erano divenute amare." (Apocalisse 8,10-11).

Pare che Chernobyl, in ucraino, si traduca: assenzio.
La maledizione degli essere umani è che essi dimenticano.
(giuro che non posterò mai più citazioni bibliche)
Anonimo ha detto…
Assenzio e i Poeti maledetti,
assenzio e i bananas stramaledetti
assenzio per chi non vuol vedere
assenzio per perdersi e non sapere
cristiano dalianera ha detto…
Silenzio Assenzio.

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …