Passa ai contenuti principali

Ce l'abbiamo solo noi, Giggi, Giggi...

Sabato pomeriggio, stadio di Terni, freddo pungente. Siamo alla fine di una giornata strana che ha creato nello stadio una situazione opposta a quella che di solito si vive durante le partite di calcio: spalti praticamente deserti, se si eccettua una sparuta pattuglia di genitori, ma campo pieno di centinaia di ragazzi e bambini che hanno disputato il torneo giovanile di rugby "santOVALEntino".

Il torneo sta per finire, si attende solo l'ultima partita, la finale della categoria under 12, giocata dalle squadre del Villa Pamphili di Roma, e di Avezzano.
La partita è, come si dice in gergo tecnico, senza storia: i ragazzi del Villa segnano una meta dopo l'altra e solo nel finale, complice un giustificato rilassamento, subiscono alcune mete degli avversari. La vittoria, mai in discussione, arriva sicura.
E lì capita qualcosa che non ti aspetteresti: i ragazzi sugli spalti, che sono i rugbisti delle squadra under 14, purtroppo uscita non benissimo dal torneo, intonano un canto, semplice, genuino, di poche parole "Ce l'abbiamo solo noi, Giggi, Giggi". (Giggi è detto alla romana, con la doppia consonante).

Conosco Gigi da 4 anni: è stato l'allenatore di mio figlio fino a due anni fa e oggi è il responsabile tecnico del settore giovanile della squadra e l'allenatore della squadra under 12 che ha appena vinto la finale. E' un ragazzo speciale, sempre tranquillo ma anche sempre reattivo, ha una parola e uno sguardo per tutti, ha sempre la situazione sotto controllo. E' un filosofo (e non per modo di dire), è un atleta, è un fratello maggiore per le centinaia di ragazzi che frequentano il campo di Corviale del Villa Pamphili, è una guida sicura per tutti gli allenatori del settore giovanile della squadra.
E nel freddo pomeriggio ternano di febbraio Gigi prende per mano la squadra che ha guidato alla vittoria e la porta sotto la tribuna. E lì tutti diventano una cosa sola: spettatori, genitori, rugbisti vincenti e perdenti, tutti uniti dal grande, ineguagliabile, contagioso sorriso di "Giggi".




E' il sorriso che festeggia la vittoria di un'idea, nata tanti anni fa, quando Gigi ancora era un bambino e qualcuno intuì che il rugby avrebbe potuto aiutare tanti ragazzi a crescere meglio. Un'idea che ha trovato anni dopo anche un luogo per crescere e svilupparsi: il campo di Corviale, un quartiere della periferia romana. E' la vittoria di un gruppo che è già solido, maturo e che continua a crescere e ad attirare ragazzi e bambini.

Cosa rimane di questa grande giornata di sport? La soddisfazione, perché il Villa Pamphili ha vinto il torneo (grazie anche ai risultati brillanti delle squadre under 6 e under 8) e il premio: un grande uovo di cioccolata bianca. Tutto qui, questi sono i premi del rugby: un grande uovo di cioccolata che sarà rotto e mangiato martedì proprio al campo di Corviale, dopo gli allenamenti.


E allora noi, per ringraziare Gigi del lavoro che svolge ogni giorno con i nostri ragazzi al campo di Corviale, insieme a tutti gli allenatori del Villa Pamphili, ci uniamo al coro e cantiamo insieme ai nostri ragazzi:
"Ce l'abbiamo solo noi, Giggi, Giggi"!

P.S.: se qualcuno volesse vedere una documentazione fotografica del torneo degli under 14 può gustarsi la presentazione che segue:

Commenti

Anonimo ha detto…
W GIGGI!!!!!!!!!!!! W il VILLAAAAAAA

MAP

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l