Passa ai contenuti principali

EROICA

Domenica mattina, nel buio che precede l'alba di Gaiole in Chianti (2.333 abitanti in provincia di Siena), 3.500 persone si sono svegliate, sono uscite dalle tende irrigidite dalla gelata notturna, hanno maledetto il sugo di caprettone e i bicchieri di chianti della sera precedente, hanno cercato a tentoni la bicicletta, ci sono montati sopra in stato di dormiveglia e hanno iniziato una delle più affascinanti sfide del ciclismo moderno: correre all'antica!
Niente carbonio, cambi elettronici, forcelle ammortizzate, ma solo gambe e parolacce, rapporti durissimi, le camere d'aria incrociate sul petto e il sudore che cola sugli occhi, in attesa di un ristoro dove riprendersi a forza di cantuccini intinti nel vino.
Questa è l'Eroica, manifestazione cicloturistica d' epoca su strade prevalentemente sterrate della provincia di Siena. E' una manifestazione speciale, da ogni punto di vista. Ripropone ambienti e scenografie del ciclismo anteguerra, polvere o fango, nessuna assistenza tecnica (se ti si rompe la bici puoi contare solo sulla collaborazione di qualche altro ciclista. In questa foto l'Eroico Giancarlo ripara la bici di un collega di percorso) ristori d' epoca, strade stupende quanto difficili, grande spirito di sacrificio e d' adattamento. Si ricercano le radici autentiche di quella straordinaria passione popolare che è stato (per tanti versi lo è tuttora) il ciclismo dei giganti della strada, quellla che ha alimentato tante leggende letterarie.

Quattro i percorsi, il più lungo dei quali di 205 km. Molti partecipanti sono partiti nel buoi delle 5 e mezza di mattina e sono arrivati stremati nel buio delle 19.30 della sera, con le braccia a pezzi, il collo irrigidito ma con il cuore caldo di soddisfazione.

Nel giorno in cui altri 2 famosi corridori professionisti (Piepoli e Schumacher) sono stati trovati positivi all'EPO/CERA nel corso dell'ultimo Tour de France, ci voleva proprio un soffio di aria fresca che alimentasse la passione per uno sport che è fatica, sudore, polvere ma anche tanta, tanta gioia!

Commenti

Anonimo ha detto…
I ns. "Eroici" non sono stati ancora trovati positivi all'EPO/CERA perché, é risaputo, il Chianti Rosso DOC ne elimina le tracce!!
Ma poiché ristori dei professionisti il Chianti non c'é...

Mamaa
paolo ha detto…
Già, tu dici che hanno "lavato" il sangue con chianti e ribollita? ma i diavoli rossi non erano ascetici e astemi?

Cos'è questo clamore nel popolo del blog? Non credete alle virtù dei ciclisti nostrani?
Anonimo ha detto…
Ok, ok, allora mettiamola così: non sono stati trovati positivi a EPO/CERA perché nei ristori dell'Eroica é legale il Chianti, quindi non servono certe robacce chimiche di dubbia origine e neanche DOP!

Mamaa
Anonimo ha detto…
A presto prove provate che pedalare è sognare.
CicloEroico 3106
Anonimo ha detto…
Posso testimoniare che il Chianti Rosso doc ed il Montepulciano d'Abruzzo sono compatibili al 100%

La stessa cosa non posso dire tra la "Ribollita" e la "Sagne e faciuli" di casa nostra.

mmazza come mi somiglia quello della foto (non quello di spalle!!).
Io però ero vestito un po' più leggero. brr.

CicloEroicoGregario 2976
magociclo ha detto…
Il signore di spalle è un simpatico ciclista toscanaccio sui 60 che non conosco. Il "meccanico" con giacca rossa è un maestro della ciclomeccanica e si chiama Giancarlo, quello in piedi con il cappellino si chiama Antonio.

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l