Passa ai contenuti principali

Sorde, asservite o incompetenti? Sono le ministre del nostro governo - AGGIORNATO: Ma anche Gasparri non scherza con la "protesta fascio-comunista!"

Povero cav B, che in questo momento di tensione sociale forse sperava un maggior aiuto da parte di due ministre "giovani" da lui nominate nel suo gabinetto.

E invece le due ministre, Prestigiacomo e Meloni, pur avendo rispettivamente 38 e 31 anni, non sono in grado di comprendere le voci che dai loro quasi coetanei studenti si levano in queste ore contro il progetto di "riforma" di scuola e Università.

Come riferito dall'agenzia di stampa ASCA , sono ''incomprensibili'' per il ministro dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo, le proteste degli studenti universitari contro i provvedimenti del ministro Gelmini

Il ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, secondo quanto riferito da Repubblica.it, inquadra così la protesta studentesca contro il decreto: "Studenti e universitari - dice - scendono in piazza senza rivendicare diritti per sè, ma di fatto difendendo gli interessi dei docenti se non dei 'baroni'. E non so se consapevolmente o meno". Provo a riproporre lo stesso concetto con altre parole: "Gli studenti sono una massa di deficienti, che si fanno manipolare da uno sparuto gruppo di baroni universitari, notoriamente subdoli ed in mala fede, e protestano contro questo governo che invece ha tanto a cuore gli interessi della gioventù!"

Per completare il quadro, ed escludendo la Gelmini che è parte in causa, attendiamo una perla di saggezza finale da parte della Carfagna!


AGGIORNAMENTO
"Cresce il consenso degli studenti a favore della riforma: quelli che protestano sono una minoranza manovrata dalla sinistra. E' una protesta fascio-comunista". Lo afferma il capogruppo del Pdl al Senato, Maurizio Gasparri, arrivando all'incontro tra i parlamentari del Pdl e i giovani del centrodestra al cinema Capranica, a due passi da Montecitorio. "Noi - prosegue Gasparri - siamo la maggioranza del paese, siamo la libertà e la democrazia". Ai cronisti che gli chiedono un giudizio su chi urla 'Duce, Duce', tra i manifestanti di destra, Gasparri è lapidario: "Sono cretini".

On. Gasparri, le parole sono boomerang, stia attento a dare del cretino a qualcuno!! Sarebbe davvero disdicevole se quei qualcuno dovessero ricordare le sua manifestazioni giovanili di entusiasmo politico!

Commenti

Anonimo ha detto…
Femmene i uommini solo al servizio del nuovo ducetto mediatico, un'unica Corte dei miracoli arcoriana dove l'unico "valore" sono i soldi fatti con qualsiasi mezzo, preferibilmente illecito, preferibilmente sottratti allo Stato.
Ministre e ministri per caso, del tutto inutili, veri e propri soprammobili, visto che la linea guida è quella del padrone. Ma la dittatura anche stavolta non è stata imposta manu militari ma con la partecipazione convinta del 70% della gggente, con la presunzione di superiore lignaggio e in attesa di condividere gli avanzi dell'osceno banchetto o forse, chissà, di essere affiliati alla banda.
Dal 1994: deficienti o conniventi.
Anonimo ha detto…
Domani saremo in piazza con i nostri bambini, accanto alle nostre maestre e al direttore didattico, uniti tutti sotto lo striscione della scuola elementare ADA TAGLIACOZZO.
Sicuramente oggi passerà il decreto, ma proprio per questo bisognerà continuare a lottare per il futuro che stanno scippando ai nostri bambini.

Per quanto riguarda il fatto che Gelmini/Prestigiacomo/Meloni "non capiscono la protesta degli studenti" é già stata avviata la richiesta della maestra di sostegno per le tre poverette, mentre Gasparri é stato iscritto in apposito istituto gestito da suore laiche.

Mamaa

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l