Passa ai contenuti principali

Buon compleanno, Velib, anche se...

Buon compleanno Vélib! Il 17 luglio dello scorso anno veniva ufficialmente inaugurato il servizio parigino di bike sharing.
In questi giorni la stampa internazionale parla ampiamente di questo anniversario sottolineando come l'idea di questo servizio (idea peraltro "originaria" di Lione), ma ancor di più le sue modalità di realizzazione e gestione, hanno ispirato molte altre città, Roma compresa (sic! vedi in fondo).

I numeri di Vélib sono più o meno questi (fonte il Sole 24h del 16 luglio 2008 e NYT del 13 luglio): nel primo anno il servizio è stato utilizzato 27 milioni di volte, nel giorno "medio" si contano circa 120.000 utilizzi (nei giorni di sciopero dei mezzi di trasporto gli utilizzi sono stati oltre 140.000), con una durata media del singolo percorso di 18'. Gli incassi sono stati di circa 20 milioni di euro, metà dei quali destinati alla JCDecaux, concessionaria della gestione del servizio e della manutenzione delle bici.

Le bici a disposizione sono circa 20.600, distribuite fra circa 1.450 stazioni di posteggio. La bici Vélib è stata costruita con criteri di particolare sicurezza e robustezza, pesa circa 22,5 kg ed è stata concepita per percorrenza di circa 10.000 km all'anno. Tutto questo ha un costo: ogni bici costa 3.460 euro.

Anche Vélib ha avuto le sue vittime: 3 ciclisti sono morti sulla bici Vélib a seguito di incidenti con autobus o camion, anche se i gestori del servizio rilevano che a fronte di una crescita del 27% nell'uso delle bici in città gli incidenti sono aumentati solo del 7%.

Però...però qualche problema c'é: oltre ai quotidiani atti di vandalismo (ogni giorno vanno in riparazione per guasti o gesti vandalici circa 1.500 veicoli), in quest'anno circa 3.000 bici, pari al 15% del parco circolante, sono state rubate, il doppio di quanto fosse stato preventivato. E i furti non sembrano addebitabili solo a qualche piccolo ladruncolo: alcune delle bici rubate sono state ritrovate in Romania, mentre altre sono state recuperate dentro container in partenza per il Marocco.

Tuttavia gli amministratori francesi non si scoraggiano e nei prossimi mesi saranno aperte altre 300 postazioni Vélib, prevalentemente nella banlieu, in corrispondenza delle fermate della rete ferroviaria regionale.

Fare dei paragoni è certamente difficile, ma cercare di capire come sarà lo sviluppo del bike sharing romano credo sia doveroso. Cifre, ad alcune settimane dall'inaugurazione del servizio, ancora non ce ne sono. Ad occhio, in giro per il centro città (unica zona dove è attivo il bike sharing) non si vedono molte bici rosse del servizio, ma è una rilevazione empirica. Dovremo aspettare il termine del periodo sperimentale di 6 mesi per capire che futuro avrà il bike sharing romano.

Nel frattempo 2 domande: quanto costa la bici adottata a Roma? a vederla e toccarla non sembra proprio valere la cifra della "sorellina" francese.
Perché dobbiamo chiamare questo servizio con un termine inglese (bike sharing)? I francesi hanno coniato un neologismo (Vélib, sintesi di "vélo" e "libérté"). Vi viene qualche idea?

Commenti

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l