Passa ai contenuti principali

Cicloeuroviaggio 2009: la Drauradweg (ciclabile della Drava)

Eccoci arrivati all'ultima tappa del cicloviaggio 2009 in Europa: la Drauradweg,ovvero la ciclabile della Drava (Drau, in tedesco). Partendo da Dobbiaco, in Italia, si segue il corso della Drava, prima in Austria e poi, dopo oltre 360 km, in Slovenia fino a Maribor.
Purtroppo non ho il tempo necessario per percorrerla tutta, ma un "assaggio" me lo voglio fare. E allora eccomi a Dobbiaco, pronto a partire.Nei primi chilometri, fino al confine con l'Austria, la pista corre praticamente in piano. Da lì inizia una discesa, che si accentua dopo Sillian e, dopo 50 km, arriva a Lienz. Il percorso è davvero stupendo: corre a fianco del fiume, che all'inizio è un veloce torrentello, ma che via via e si ingrossa rapidamente, alimentato dai tanti affluenti che scendono dalle montagne. E dopo Lienz la Drava si mostra già come un fiume "serio Pedalare qui è una vera festa: giovani, anziani, famiglie, cicloamatori, appassionati in mountain bike che raggiungono la base dei sentieri che si inerpicano in montagna... Tantissime persone con età, capacità, aspettative diversissime, ma tutti uniti dalla gioia di pedalare in pace!
Percorro un'altra ventina di km e arrivo a Oberdrauburg.
Qui purtroppo, dopo 70 km, il mio viaggio deve terminare e, per tornare indietro, prendo il treno. Ovviamente senza nessun problema: alla biglietteria, che è regolarmente aperta nonostante il giorno festivo, acquisto il biglietto. Il treno arriva puntuale, provvisto deI regolamentarI vagonI bici (notate il plurale), dove un addetto carica la mia bici, e da dove lo stesso addetto la scaricherà alla stazione di arrivo.
La parte della ciclabile della Drava che ho percorso è davvero incantevole e da sola varrebbe una vacanza, sia per la bellezza dei paesaggi attraversati sia per la piacevolezza dell'itinerario ciclistico. I segnali sono frequenti e chiarissimi ed è impossibile smarrire la pista.

Rispetto alla ciclabile del Danubio c'è meno confusione, soprattutto dopo Lienz, e l'atmosfera è più tranquilla: c'è maggior vicinanza alla natura e spesso si è accompagnati solo dai rumori del fiume e del bosco. Insomma, il paradiso del ciclista!
Peccato che sia giunto il momento di preparare i bagagli per tornare nell'inferno del ciclista, l'Italia. Ma di questo e delle speranze che nonostante tutto continuo a nutrire, parleremo nei prossimi giorni.
E per terminare la cronaca del cicloeuroviaggio vi saluto così, con l'immagine di due persone anziane che hanno percorso con me un tratto di ciclabile e poi, pacatamente mi hanno salutato ed hanno imboccato un altro itinerario. Ho intitolato questa foto "Vita in due in bici", e voglio chiudere questo lungo resoconto con la speranza, per me e per tutti i ciclisti, di un lungo viaggio in bici insieme alle persone a cui si vuole bene.

Commenti

Anonimo ha detto…
Che bella quest'ultima foto, da farne un poster!

Mamaa
Anonimo ha detto…
AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAhhhhhhhhhhhhh......BBasta, bbbasta, cos'altro vuoi? Basta sale sulle ferite piagate. Il dolore dell'inferno si acuisce sapendo E VEDENDO che c'è un paradiso.
Per farci sentire a casa nostra, adesso facce vede qualche bell'ingorgo strombazzante fra casone abusive, centri commerciali in plastica lucida e piccole lingue di terra superstite inaridita e gonfia di squallore, monnezza e violenza. Ohhhhhh, visit itali.
AVE

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l