Passa ai contenuti principali

Cicloeuroviaggio 2009: Titisee e la Schwarzwald (la Foresta Nera)

Anche la Foresta Nera, in Germania, è percorsa da una fittissima rete di sentieri e vie ciclabili, che consentono, oltre a rilassanti passeggiate, i collegamenti fra i tanti paesini che ne costeggiano i confini. Il tutto ovviamente ben segnalato con cartelli chiarissimi, riportanti anche le possibili coincidenze con altri mezzi di trasporto (ad esempio, la lettera H indica una fermata di autobus) e le distanze da percorrere. Per chi invece voglia rimanere con le ruote sull'asfalto, ci sono sempre le immancabili piste ciclabili "cittadine" da percorrere nella massima sicurezza
Qui siamo a Titisee, cittadina turistica, ai margini della foresta nera, dove un papà porta in bici i suoi due figli piccoli:

Così i pedoni hanno la loro porzione di marciapiede dedicata e i ciclisti possono procedere senza rischio di investire qualcuno.

Ci vuole tanto poco per evitare rovinose guerre fra poveri! Ma il sospetto che sto maturando è che si stia cercando di creare una barriera fumogena di disinformazione (basata su provvedimenti "fantasiosi" quali l'addebito dei punti patente ai ciclisti indisciplinati, o il dilemma piste ciclabili sì/piste ciclabili no, o i limiti cittadini a 30 km/h) per evitare di affrontare nella sua interezza il tema della mobilità in Italia. Tema che richiede coraggio politico, investimenti (anche culturali, per spiegare alla gente che il sistema attuale di crescita della mobilità individuale su gomma non potrà durare a lungo, pena il collasso della rete stradale), onestà intellettuale, competenze specialistiche. Tutta merce largamente disponibile oltre frontiera, ma evidentemente colpita da dazi doganali molto alti, perché da noi se ne trova poca, e direi anche sempre meno!

Commenti

Anonimo ha detto…
Qui ancora e anzi sempre più, vige la legge del diritto individuale di avere sempre più e pretendere comunque tutto!
Ovvero: ogni famiglia ha il santo diritto ad avere un'auto per persona, ha il santo diritto di avere il parcheggio riservato alle proprie 4 auto sotto casa, ha il diritto di girare a velocità sostenuta per la città e parcheggiare sotto il portone dell'ufficio o davanti al supermercato o alla scuola....
Ma, ooops, c'é un piccolissimo problema, se il numero di abitanti é in costante aumento e così pure il numero di vetture circolanti (senza contare che si é passato dalla moda della Smart direttamente al SUV)... non mi risulta che il pianeta terra si sia allargato!
Le strade quelle sono e non possono certo aumentare, gli spazi per parcheggio idem, l'unica cosa che continua ad aumentare proporzionalmente al numero di vetture circolanti é il numero di incidenti.
Ma tu prova a fermare un romano qualsiasi per strada e a farglielo presente... prima ti manda a quel paese e poi ti tira sotto le ruote!

Mamaa
Anonimo ha detto…
MAGO, non dovevamo andarci in Germania-Francia-Slovenia-Turchia-Bosnia.....
la frustrazione della consapevolezza di vivere nel Paese-feccia del Pianeta è totale e inguaribile.
AVE CAIO l'ha fatto e s'è pentito

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l