Passa ai contenuti principali

Bicipensiero (la bicicletta della nonna1)

"...la prima cosa che il nonno ha regalato alla nonna è stata la bicicletta. Correva l'anno 1947, o forse 1948, quando un mattino il nonno ha aperto la porta di casa e ha chiamato forte il nome della nonna: "Tina...Tina...!", "Cosa c'é?..." ha risposto lei dall'alto, dalle camere da letto, "Vieni giù!..."; la mattina possiamo immaginarla bella e luminosa e calda, non costa niente; e la nonna è scesa per le scale e, uscita nell'aia, contro il muro, ha visto quel portento tecnico, che allora doveva luccicare nei cerchioni, odorare di gomma nei pneumatici, squillare come un cardellino nel campanello tondo. "E' per te..." le ha detto il nonno e alla nonna è venuto da piangere: era il primo regalo della sua vita..."

Alberto Garlini, Una timida santità, Sironi editore - Pagina 147

Commenti

Anonimo ha detto…
Già, dobbiamo proprio fare fatica a immaginarci una scena come questa. Eppure non è passato così tanto tempo, solo 10 anni prima della nostra nascita... Siamo proprio vecchi. La bici allora era come la nostra utilitaria, uno strumento di lavoro. Mi chiedo perchè il nonno abbia comperato la bici alla nonna, mi sembra tanto uno di quei regali che ogni tanto ci scappa di fare alle nostre mogli, tipo libro di cucina; regali sotto sotto interessati. Allora non esisteva il traffico, c'era solo un'italia distrutta che era appena uscita da una guerra disastrosa e c'era soprattutto da lavorare per rimetterla in piedi. Gran parte di questo lavoro è stato svolto con l'aiuto della biciclette che, anche solo per questo motivo, fanno parte della nostra storia.Ora mi chiedo come la bici possa aiutarci a risollevare questo paese che non è affatto uscito da un pariodo disastrato, anzi, ci è dentro fino alle scarpe. Certamente potrebbe essere da incentivo alla più grande ricchezza che abbiamo, quella del turismo. Personalmente avrei voglia di tornare a Valencia anche solo per girarmela tutta in bici, percorrere tutto il corso del Turia, il porto e il centro. Li le piste ci sono eccome. Sarebbe bello che oltre tutto il resto l'Italia offrisse anche questa possibilità. Basterebbe solo questo per incentivare la realizzazione di piste urbane e extra, senza considerare gli innumerevoli vantaggi per tutti. Alla prossima. Ciao a tutti.
Anonimo ha detto…
Angh'io!
Nel lontano 1974 racimolai con lavoretti estivi quanto bastava per donare alla mia fidanzatina una luccicante bici da passeggio nera classica...ancora sono bellissime.

AVe zì Fà
Anonimo ha detto…
Entro in punta di piedi in questo post, lascio un saluto e me ne vado, perché se vi dico che nel 1974 andavo ancora all'asilo a qualcuno potrebbe venire la depressione...

Mamaa
paolo ha detto…
Beh, per tranquillità di Mamaa voglio dire che il bicipensiero non l'ha scritto un mio compagno di classe! Certo, nel 1974 ero un po' più avanti dell'asilo, ma poi nemmeno troppo! Diciamo che partecipavo alle elezioni studentesche per i cd "decreti delegati", che istituirono la prima rappresentanza di studenti e genitori all'interno degli organi di guida della scuola.
E quindi...non mi viene la depressione!!
Anonimo ha detto…
Aho depressi diventerete
se in salita coCaio pedalerete...

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l