Passa ai contenuti principali

Viaggiare verso gli USA? che impresa!

A partire dal 12 gennaio 2009 se vorrai andare negli USA, che so, a correre la Maratona di New York o a visitare i parchi naturali del Nevada e dell'Arizona, dovrai chieder un "permesso preventivo" alle autorità americane per ottenere l'autorizzazione all'imbarco sull'aereo. Bada bene, questo permesso non ti garantirà l'ingresso negli USA, sottoposto di volta in volta alla valutazione delle autorità locali, ma solo l'accesso all'aereo. Questo "permesso preventivo", che si chiama Electronic System for Travel Authorization (ESTA), dovrà essere richiesto su un sito dell'ambasciata USA
Il cittadino italiano che richiede il permesso ESTA deve contemporaneamente concedere una liberatoria al governo USA per cui accetta che vengano schedati e verificati i suoi dati identificatori biometrici (impronte digitali, iride dell'occhio, etc.) e rinunciare al diritto di riesaminare o presentare ricorso su una decisione presa dal funzionario dell’Ufficio delle Dogane e della Protezione delle Frontiere (Customs and Border Protection), in merito all’idoneità, o di contestare, ad eccezione dei casi di richiesta di asilo, qualsiasi azione di rimozione che
scaturisca da una domanda di ingresso nell’ambito del Programma Viaggio senza
Visto.
Secondo me, in un libero rapporto fra Stati sovrani, l'Italia, o meglio l'intera UE, dovrebbe avere il coraggio di richiedere ai cittadini USA che vengono da noi in vacanza l'adempimento di documenti di pari impatto: permesso preventivo elettronico, acquisizione di dati biometrici e rinuncia al diritoo di opposizione nel caso di accesso negato nel Paese.

Commenti

Anonimo ha detto…
Chissà se al Prode Romanone hanno chiesto gli estremi biometrici per correre la maratona di gnu ork...
Ma ancora chiedono se si è o si è stati mai membri del partito comunista? ^O^
Sò forti st'ammericani, ahò!
Anonimo ha detto…
Mi spiace mago, ma non son d'accordo. non mi piace questo tuo invocare il principio della reciprocità. La cosa non funziona, anzi a volte puzza un po' di vendetta.

Se gli americani son così "...." * perchè mai dovremmo comportarci con lo stesso stile?

Già facciamo i conti con un modello sociale ed economico (USA)che ben presto ci omologherà tutti. Se ci resta ancora qualche sano principio di rispetto, tolleranza ed amore per noi stessi, molliamo l'ammerricano che dorme in noi ed evitiamo di andarci (negli usa).

baci diffusi

i.

* ca@@oni

p.s. dimenticavo mago...se ti scappa un commento non aprirlo con un "caro i.". sarebbe meglio un "cara"
paolo ha detto…
Cara "i"...mmmh, mi viene qualche sospetto...anche il saluto "baci diffusi"...mah, per ora non mi sbilancio, ma una mezza idea comincio ad averla, vediamo se avrò presto una conferma.

Il tuo commento, carA "i", è assolutamente condivisibile. La mia proposta è certamente animata da un proposito di vendetta ed ha un contenuto paradossale. Certo, sono consapevole che gestire le entrate in un paese grande e complesso come gli USA non è semplice, ma quanto sarebbe bello se potessimo muoverci nel mondo come oggi facciamo all'interno dell'UE.
E poi anche l'idea di non andarci, negli USA, è vendicativa.

Facciamo così: se gli americani non modificheranno le regole ESTA, noi applicheremo la regola "ESTI" (rivolgersi ad un romano doc per la corretta interpretazione).

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l