Passa ai contenuti principali

Sorciocorrente? SUVmunito? Scooterattone? attenzione, si rischia il "coccolone"

Lo so, anche io mi sto stancando, ma devo ancora una volta parlare (bene) di Ferrara, della serie..."Roma non è Ferrara"!

Ieri è stato presentato alla stampa il progetto "L'esercizio fisico come farmaco" promosso dall'Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara, appunto.

Di cosa si tratta? Nei prossimi 3 mesi è previsto l’arruolamento di circa 11.000 persone a rischio individuate tra la popolazione sedentaria, quella con patologie sensibili all’esercizio fisico, per vedere se, con un po' di movimento quotidiano, le loro condizioni di salute migliorano.
A questi soggetti, individuati dai medici di base, verrà consegnata una guida teorico–pratica sull’attività motoria da svolgere, e un contapassi per registrarla. Ogni due mesi il medico verificherà l’attività fisica svolta registrata con il contapassi, e in più una serie diparametri quali il peso corporeo del paziente, l’indice di massa corporea, la circonferenza addominale, la pressione arteriosa, la frequenza cardiaca, i valori di colesterolo e trigliceridi.

I benefici attesi per gli arruolati nel progetto, che seguiranno il programma per un anno, sono: riduzione di tutti gli indicatori sopra elencati e l’aumento del colesterolo HDL, oltre a una generale e progressiva riduzione del rischio di contrarre malattie cardiovascolari.

I costi? 25 euro a paziente!! I risparmi? Una consistente riduzione della spesa farmaceutica e della spesa sanitaria, miglioramenti clinici ed economici, che si basano sui risultati ottenuti da ricercatori statunitensi che hanno sperimentato programmi analoghi in USA.

Come al solito...Roma non è Ferrara!

Commenti

Anonimo ha detto…
Roma non é Ferrara...
Però Ferrara é ancora Italia e questo mi fa ben sperare, almeno per il futuro... anche se per taluni l'Italia é solo fino a Firenze, dopo é penisola Africana.

Mamaa
Anonimo ha detto…
Piccola storiella attinente.
Una mattina di qualche tempo fa si presentò in ospedale un signore sulla sessantina. Capelli brizzolati, giacca tecnica antivento, guantini a mezzodito, calzamaglia con inserti rifrangenti, caschetto in una mano, zainetto nell'altra. A Napoli è una visione singolare e per me, che ne sono appassionato, attraente. Seguii per un pò il tizio, preconcettualmente convinto che stesse cercando il pronto soccorso. Invece lo superò, proseguendo per i piani alti. Io, giunto a destinazione, smisi di stargli dietro. indugiai però pensando a cosa ci facesse quell'attempato, inusuale "ciclista urbano" in giro per il policlinico. A cose fatte, sulla via del ritorno, lo trovai seduto su una panchina a sorseggiare un succo di frutta, con di fianco una bicicletta da corsa rossa con manubrio diritto. "Lo devo conoscere, questo quà" e mi avvicinai con un sorrisone presentandomi come appassionato di biciclette. Facemmu una cordiale chiacchierata, nella quale mi raccontò la sua storia: "Sono venuto a controllo. Sai, il cuore. Tre anni fa sono stato operato, mi hanno messo 5 bypass. Pesavo 110 chili e fumavo almeno 2 pacchetti di sigarette al giorno. Sono arrivato che 'nun c'ha facev' chiù' (trad. al limite umano). Ischemia, ricovero d'urgenza, operazione. Ringrazziandoaddio è andato tutto bene. Il chirurgo, scherzando, mi ha detto che con il cuore revisionato sarei potuto andare a fare il giro d'italia. Morale: appena uscito dall'ospedale mi sono comprato una bicicletta. Ho smesso di fumare, ho perso 35 chili e faccio almeno 4000 chilometri all'anno a pedali".
Mi fermai a bere anche io un succo di frutta. Sorridendo.
paolo ha detto…
Bellissima questa storia! più passa il tempo e più mi convinco che i ciclisti sarebbero degli eccellenti narratori o romanzieri, per tutte le storie che conoscono e per come le sanno raccontare con passione.
Peccato solo che abbiamo troppo da fare appresso alla bicicletta...
Anonimo ha detto…
Il rischio più grosso della sedentarietà è l'insorgenza del diabete. In bici si può prevenire SENZA FARMACI questa pericolosa, debilitante e costosa DERIVA occidentale.
Basterebbe solo questo per giustificare economicamente MILIONI DI KM di piste ciclabili.

AVe Caio magna e pedala

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l