Passa ai contenuti principali

Spleen

Campo di rugby, siamo nella provincia campana, lontano dai clamori delle grandi città. Stanno giocando due squadre di rugby under 14: una formazione campana contro la squadra di un villaggio del centro Inghilterra vicino Leeds. Un ragazzino inglese, colpito duro al fianco, esce. Dopo qualche minuto il dolore del ragazzo si acuisce, si tocca la parte sinistra dell’addome. Arriva il medico. Lo visita e inizia a parlottare con uno degli organizzatori campani del torneo che sta assistendo il giocatore infortunato.
Descrivo meglio la situazione: a bordo campo bivacca un capannello di persone così composto: il ragazzino inglese dolorante e stordito dalla confusione, sdraiato in terra; intorno a lui il medico, l’organizzatore, io (che non c’entro niente ma, al solito, ci sono) e l’accompagnatore inglese. Precisazione: i due campani (medico e organizzatore) non parlano inglese. L’inglese parla solo il dialetto di Leeds, e nemmeno benissimo. Io, senza disprezzare, sono l’unico poliglotta presente.
Azione. L’organizzatore, ascoltate le parole sussurrate dal medico, si rivolge al signore inglese: “Rice ‘o duttore c’avisseve accumpagnà ‘o uaglione ‘o ospitale pecché tene parura c’à priso nu curpo rint ‘a milza…” qui si interrompe, si rivolge a me e chiede, con il classico gesto della mano alzata e abbassata con le punte delle dita raggruppate: “ma comme se rice milza ‘n’ingles?”

Trattengo a stento il riso (immagino che il signore campano ritenga che l’inglese abbia capito tutto, tranne la parola milza) e rispondo flebilmente “spleen”. All’inglese si accende una luce negli occhi, appannati dalla troppe birre già consumate (non è ancora mezzogiorno) o dal linguaggio incomprensibile che lo circonda, e mi chiede (credo) “t’iu spicc inglisc”? Arroto il mio migliore “queen accent” e rispondo “iesss”. Non immagino il tunnel buio nel quale mi sto infilando: inizio un arduo compito di interprete sanitario simultaneo, dal campano al cokney (e viceversa, che è ancora peggio), compito del quale però gli inglesi si approfittano. Tanto che quando un inglese con le mani già sulla patta mi chiede “sorry, toilette?” lasciando intendere che se non gli rispondo è pronto ad aprire il “rubinetto” lì per lì, esplodo con un “ma nun ‘o vvire c’o cess è loc abbascio??!

Epilogo: il ragazzo inglese viene portato all’ospedale con l’ambulanza. Gli viene diagnosticata la frattura di due costole. Ma non credo che lui l’abbia mai saputo perché in ospedale l’hanno lasciato da solo e nessuno lì sapeva dire “ribs” (costole in inglese).
Epilogone: il padre del ragazzo rimane al campo a fare le foto, “tanto non può fare nulla per il figlio”.
Epiloghissimo: il figlio dolorante è stato posteggiato sugli spalti dello stadio con una borsa di ghiaccio sulle costole. Non lo hanno nemmeno fatto cambiare: indossa scarpini e divisa di gioco e sembra una moderna raffigurazione di Giobbe provato dalle sofferenze. Ora capisco tutta la storia del royal wedding.

Commenti

Bikediablo ha detto…
terribile.

marco
Anonimo ha detto…
Senza parole.....

MAP

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …