Passa ai contenuti principali

La magia del Natale in musica (Quanno nascette ninne 2)

Anche quest'anno desidero augurare il buon Natale con le parole di Alfonso Maria de' Liguori, grande santo napoletano che compose il testo originario di "Tu scendi dalle stelle".
Dopo la versione che proposi nel 2008, quest'anno presento la delicata voce di Pina Cipriani, che cesella le parole in napoletano stretto. Per aiutare la comprensione ripropongo il testo con la traduzione in italiano




TESTO ORIGINALE
TRADUZIONE
Quanno nascette Nínno a Bettlemme
Era nott' e pareva miezo juorno.
Maje le Stelle - lustre e belle
Se vedetteno accossì:
E a cchíù lucente
Jett'a chíammà li Magge all'Uríente.
Quando nacque il Bimbo a Betlemme
Era notte ma sembrava mezzogiorno
Mai furono viste le stelle così luminose e belle.
E la più splendente andò ad oriente a chiamare i Magi
De pressa se scetajeno l'aucielle
Cantanno de ‘na forma tutta nova:
Pe ‘nsí l’agrille – co’ li strille,
E zombanno a ccà e a llà:
È nato, è nato,
Decevano, lo Dio, che nci'à criato
Subito si svegliarono gli uccelli e
cantarono in maniera completamente nuova;
persino i grilli, con i loro versi,
e saltellando qua e là, dicevano:
È nato, è nato
il Dio che ci ha creato
Co’ tutto ch'era vierno, Ninno bello,
Nascetteno a migliara rose e sciure.
Pe'nsí o ffieno sicco e tuosto
Che fuje puosto - sott'a Te,
Se 'nfigliulette,
E de frunnelle e sciure se vestette.

Nonostante fosse inverno, o bel Bambino, a migliaia nacquero rose e fiori.
Persino il fieno, inaridito e duro,
quando fu posto sotto di Te,
rifiorì
e si rivestì di foglioline e fiori
A ‘no paese che se chiamma Ngadde,
Sciurettero le bigne e ascette l'uva.
Ninno mio sapuritiello,
Rappusciello - d'uva sí Tu;
Ca tutt'amore
Faje doce ‘a vocca, e po’ mbriache ‘o core.
In un paese che si chiama Engaddi
fiorirono le viti e spuntò l’uva.
Bimbo mio, così saporito,
tu sei un grappoletto d’uva:
perché, tutto amore,
rendi dolce la bocca e inebrii il cuore.
Non c'erano nemmice pe’ la terra,
La pecora pasceva co’ lione;
Co’ e’ caprette - se vedette
‘O liupardo pazzea’;
L'urzo e ‘o vitiello
E co’ lo lupo 'npace ‘o pecoriello.
Non vi erano nemici sulla terra;
la pecora pascolava con il leone.
Si vide il leopardo
giocare con le caprette.
Ci fu pace tra orso e vitello
e tra lupo e agnello.
Se rrevotaje nsomma tutt'o Munno,
Lu cielo, ‘a terra, ‘o mare, e tutt'i gente.
Chi dormeva - se senteva
Mpiett'o core pazzea’
Pe la priezza;
E se sonnava pace e contentezza.
Insomma, tutto il mondo fu scombussolato:
il cielo, la terra, il mare e tutta la gente.
Chi dormiva si sentiva
il cuore balzargli in petto
per la felicità
e sognava pace e gioia.
Guardavano le ppecore i Pasturi,
E ‘n'Angelo sbrannente cchiú d’ ‘o sole
Comparette - e le dicette:
No ve spaventate no;
Contento e riso
La terra è arreventata Paraviso.
I pastori erano a guardia delle greggi
e un Angelo, splendente più del sole
apparve e disse loro:
- No, non temete.
C’è felicità e riso:
la terra è divenuta Paradiso.
A buie è nato ogge a Bettlemme
D' ‘o Munno l'aspettato Sarvatore.
Dint'i panni’ o trovarrite,
Nu potite - maje sgarra’,
Arravugliato,
E dinto a lo Presebio curcato.
Oggi in Betlemme è nato
l’atteso Salvatore del mondo.
Lo troverete, non potete sbagliarvi,
avvolto nelle fasce
e adagiato nella mangiatoia –
A meliune l'Angiule calare
Co’ chiste se mettetten' a cantare:
Gloria a Dio, pace in terra,
Nu cchiú guerra - è nato già
Lo Rre d'ammore,
Che dà priezza e pace a ogni core.
A milioni calarono dal cielo gli Angeli
e insieme al primo si misero a cantare:
- Gloria a Dio, pace in terra:
non più guerra, è ormai nato
il Re di Amore
che ad ogni cuore dà contentezza e pace.
Sbatteva ‘o core mpietto a ssí Pasture;
E l'uno 'nfaccia all'auto diceva:
Che tardammo? - Priesto, jammo,
Ca mme sento scevoli’
Pe’ lo golío
Che tengo de vedé’ sso Ninno Dio.
A questi pastori il cuore batteva in petto e l’uno diceva all’altro: - Perché aspettiamo? Presto, andiamo che mi sento impazzire per il desiderio che ho di vedere questo Bimbo Dio.-
Zombanno, comm'a ciereve ferute,
Correttero i Pasture a la Capanna;
Là trovajeno Maria
Co’ Gíuseppe e a Gioia mia;
E 'n chillo Viso
Provajeno ‘no muorzo 'e Paraviso.
Saltando come cervi feriti, i pastori corsero alla capanna; lì trovarono Giuseppe con Maria e con la mia Gioia e in quel viso ebbero un assaggio del Paradiso.
Restajeno ‘ncantate e boccapierte
Pe’ tanto tiempo senza di’ parola;
Po’ jettanno - lacremanno
Nu suspiro pe’ sfoca’,
Da dint' ‘o core
Cacciajeno a migliara atte d'ammore.
Restarono incantati a boccaperta, per lungo tempo, senza dir parola. Poi, gettando, in lacrime, un sospiro per dare sfogo (ai loro sentimenti). Dal profondo del cuore manifestarono con mille gesti il loro amore.
Co’ a scusa de donare li presiente
Se jetteno azzeccanno chiano chiano.
Ninno no li refiutaje,
L'azzettaje - comm'a ddi’,
Ca lle mettette
Le Mmane ‘ncapo e li benedicette.
Con la scusa di fargli i loro doni andarono accostandosi piano piano; il Bimbo non rifiutò i loro doni, li accettò, (mostrando il gradimento) con il porre la mano sul loro capo e li benedisse.
Piglianno confedenzia a poco a poco,
Cercajeno licenzia a la Mamma:
Se mangiajeno li Pedille
Coi vasille - mprimmo, e po’
Chelle Manelle,
All'urtemo lo Musso e i Mascarielle.
Prendendo confidenza un po’ alla volta, chiesero il permesso alla Mamma: a furia di baci, si mangiarono prima i piedini, poi quelle manine ed infine il visetto e il ganascino.
Po’ assieme se mettetteno a sonare
E a canta’ cu l'Angiule e Maria,
Co’ na voce - accossí doce,
Che Gesú facette: a aa...
E po’ chiudette
Chill'uocchie aggraziate e s'addormette.
Poi presero a suonare e a cantare con gli Angeli e con Maria, con una voce così dolce che Gesù sbadiglio, quindi chiuse gli occhi graziosi e si addormentò.
La nonna che cantajeno mme pare
Ch'avette ‘a esse chesta che mo’ dico.
Ma ‘nfrattanto - io la canto,
Mmacenateve de sta’
Co li Pasture
Vecino a Ninno bello vuje pure.
Mi sembra che la ninna nanna era più o meno quella che adesso vi dico: ma mentre che io la canto, immaginatevi di stare anche voi, insieme ai Pastori, accanto al mio bel bambino.
Viene suonno da lo Cielo,
Viene e adduorme ‘sso Nennillo;
Pe pietà, ca è peccerillo,
Viene suonno e non tarda’.
Gioia bella de sto core,
Vorria suonno arreventare,
Vieni, sonno, giù dal cielo, vieni e addormenta questo Bambinello, per pietà, perché è piccolino, vieni sonno, non tardare. Gioia bella di questo cuore, vorrei diventare sonno, per farti addormentare dolcemente questi begli occhi.
Doce, doce pe’ te fare
‘Ss'uocchíe bell'addormenta’.
Ma si Tu p'esser'amato
Te sí fatto Bammeníello,
Sulo ammore è o sonnaríello
Che dormire te pò fa’.
Ma se Tu, per essere amato, ti sei Bambinello, solo amore è quel dolce sonnellino che può farti dormire.
Ment'è chesto può fa nonna,
Pe Te st'arma è arza e bona.
T'amo, t'a’... Uh sta canzona
Già t'ha fatto addobea’!
T'amo Dio - Bello mio,
T'amo Gíoja, t'amo, t'a’...
Se è così, puoi fare la nanna, per Te quest’anima è bell’e arsa. Ti amo, ti amo… o! questo canto già ti ha fatto appisolare. Ti amo, Dio, bello mio, gioia mia, Ti amo, Ti amo.
Cantanno po’ e sonanno li Pasture
Tornajeno a le mantre nata vota:
Ma che buo’ ca cchíú arrecietto
Non trovajeno int'a lu pietto:
A ‘o caro Bene
Facevan' ogni poco ‘o va e biene.
Cantando e suonando, poi, i pastori tornarono nuovamente alle loro greggi. Ma che vuoi farci, essi non trovavano più requie nel loro petto. E per il loro caro Bene facevano ogni tanto il va e vieni.
Lo ‘nfierno sulamente e i peccature
‘Ncoccíuse comm'a isso e ostinate
Se mettetteno appaura,
Pecchè a scura - vonno sta’
Li spurteglíune,
Fujenno da lo sole li briccune.
Solo l’inferno e i peccatori, che sono, come l’inferno, testardi e ostinati, ebbero paura, poiché nelle tenebre vogliono stare i pipistrelli, fuggendo, i bricconi, dalla luce del sole.
Io pure songo niro peccatore,
Ma non boglio esse cuoccio e ostinato.
Io non boglio cchiú peccare,
Voglio amare - voglio sta’
Co’ Nínno bello
Comme nce sta lo voje e l'aseniello.
Anche io sono nero peccatore, ma non voglio essere testardo ed ostinato; non voglio più peccare; voglio amare, voglio stare con il Bimbo bello, come ci stanno il bue e l’asinello.
Nennillo mio, Tu sí sole d'ammore,
Faje luce e scarfe pure ‘o peccatore
Quanno è tutto - níro e brutto
Comm'a pece, tanno cchiú
Lo tiene mente,
E ‘o faje arreventa’ bello e sbrannente.

Bambino mio, Tu sei sole d’amore, illumini e riscaldi anche il peccatore: quando è tutto nero e brutto come la pece, tanto più tu lo guardi e lo fai diventare bello e splendente.
Ma Tu mme diciarraje ca chiagniste,
Accíò chiagnesse pure ‘o peccatore.
Aggio tuorto - haje fosse muorto
N'ora primmo de pecca’!
Tu m'aje amato,
E io pe’ paga’ t'aggio maltrattato!
Ma tu mi dirai che piangesti affinché piangesse pure il peccatore. Ho torto, ahi! Fossi io morto un’ora prima di peccare! Tu mi hai amato e io, per ripagarti, Ti ho maltrattato (peccando).
A buje, uocchie mieje, doje fontane
Avrite a fa’ de lagreme chiagnenno
Pe’ llavare – pe’ scarfare
Li pedilli di Gesù;
Chi sa, pracato,
Decesse: Via, ca t'aggio perdonato.
E voi, occhi miei, dovete diventare due fontane di lacrime, piangendo, per lavare, per riscaldare, i piedini di Gesù: chi sa mai che, placato, dicesse: - Suvvia, ti ho perdonato!
Viato me si aggio sta fortuna!
Che maje pozzo cchiú desiderare?
O Maria - Speranza mia,
Ment'io chiango, prega Tu:
Penza ca pure
Si fatta Mamma de li peccature.
Beato me, se ho questa fortuna! Che mai altro posso desiderare? O Maria, speranza mia, mentre io piango, Tu prega: pensa che sei divenuta madre anche dei peccatori.

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …