Passa ai contenuti principali

Magociclo è nudo. Rubate tutte le sue bici

Già, da domenica mattina, 22 giugno, magociclo è nudo. Infatti è stato derubato di tutte le sue biciclette, trafugate nottetempo dai ladri che le hanno prese dal garage dove erano custodite.
Questo è un articolo di commemorazione e non di dannazione. Il mio sentimento non è la rabbia, ma il dolore profondo. Il furto delle biciclette mi ha aperto una ferita nell'animo.
Vorrei cominciare la commemorazione dall'ultima entrata nel gruppo, la Cinelli "Eroica", che poi era anche la più antica, essendo stata costruita negli anni '70.

Con la Cinelli, amorevolmente ripristinata da Giacomo "capomeccanico" di BBike e successivamente dall'amico Ventus dei Meta Sudans,
Ventus all'opera sulla Cinelli Vintage
ho corso una delle avventure più belle, l'Eroica.
 
Dapprima mesi di allenamento, di familiarizzazione con un telaio e una componentistica del tutto diversa da quella abitualmente utilizzata. Centinaia di chilometri lungo le strade (molte quelle bianche) dell'alto Lazio per prepararmi adeguatamente ai saliscendi del Chianti.

E poi l'Eroica, sotto una pioggia incessante e con il freddo nelle ossa, ma il fuoco nel cuore.
Magociclo, in sella alla Cinelli, al termine della salita di Brolio
E poi, nel 2012, quando non potei andare io, assecondò le possenti gambe del "Derfino de Guidonia", al secolo "Francesco" sul percorso lungo dell'Eroica.

La seconda bici rubatami che voglio ricordare è la Triban Trial 7 Decathlon, acquistata di corsa per sopperire alla mancanza della mia prima bici, una single speed di marca Ceriz, frantumata contro un pilone di cemento a seguito di un incidente meccanico.

Con la Triban ricordo il percorso lungo la ciclabile della Drava, in Austria, o quello nel cuore della Francia, lungo il fiume Doubs.

Ma il primo ricordo che ho è quello di una mattina di gennaio, fredda e piovosa. Avevo acquistato la Triban la sera precedente. Non avevo mai avuto una bici con il cambio, ma sempre e solo single speed. Inforcai la bici e andai in Prati per comprare la staffa di sostegno per il posteggio in garage (questa è rimasta, non l'hanno rubata!). Al ritorno, sotto una pioggia battente, con la staffa infilata nel braccio, la salita del Gianicolo sembrava non finire mai. Arrivato alla sommità ricordo un urlo di gioia,dedicato alla mia bici! E ancora, ricordo le perlustrazioni romane, nei parchi (scoprii la Caffarella) insieme al fraterno amico Marco, le Ciemmone, le scoperte di una Roma nascosta insieme a Caio Fabricious.

La terza bici rubata fu la mia prima bici da corsa, la grande "Pepino" CPH 380:

telaio in alluminio e "flat bar", con la quale ho provato davvero l'emozione della bici da strada, con le ruote sottili, il cambio "Veloce" Campagnolo a 11 velocità.
Le lunghe tirate sulla Tevere Nord

o il giro per Sacrofano lungo la Valle Muricana, e tante altre lunghe scorribande in lungo e largo (o meglio, in salita e discesa) sulle strade abruzzesi.

E ora, puff, tutte e tre sparite insieme ad una Triban 5 praticamente nuova, mai usata.
E' un vuoto, per ora difficilmente colmabile. Spero che il tempo sappia lenire le ferite. Una parola per i ladri: forse non vi rendete conto del danno che arrecate con questo vostro agire. Per voi si tratta di svoltare qualche decina di euro, non di più. Per il derubato invece si tratta di sopportare una pena pesante. Spero che prima o poi lo capiate e smettiate questo turpe mestiere.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …