Passa ai contenuti principali

Incompetenti, pasticcioni, sfortunati o in mala fede? il restauro della Barcaccia di piazza di Spagna)

Difficile comprendere se i responsabili del restauro della Barcaccia (la fontana al centro di piazza di Spagna) siano incompetenti, pasticcioni, sfortunati o in mala fede. Il cantiere fu aperto il 24 ottobre 2013. Il cartello descrittivo dei lavori prevedeva la chiusura del cantiere entro il 20 luglio. A metà agosto il cartello è stato velocemente sostituito con uno nuovo, in cui la scadenza di chiusura del cantiere è indicata per il 31 agosto.

Oggi però, 1 settembre, il cantiere è ancora così:




E, come si vede, i grandi cartelloni pubblicitari che recingono il cantiere continuano a campeggiare al centro della piazza.
Domande:

  • quali sono i motivi di questi continui ritardi? cattiva progettazione, impedimenti sopraggiunti o altro?
  • sono previste penali a carico della ditta appaltatrice?
  • il prolungamento del cantiere determina un prolungamento di visibilità per la pubblicità. Questo prolungamento produce proventi aggiuntivi? a chi vanno, al comune o alla concessionaria della pubblicità?

A pensar male si fa peccato, ma a volte ci si prende.

PS:
una veloce cronistoria del cantiere, dalla sua apertura ad oggi, per non dimenticare.

24 ottobre 2013, primo intervento: operai iniziano a montare dei ponteggi intorno alla fontana della Barcaccia in piazza di Spagna. Si apre il cantiere di restauro della celebra fontana. La fontana viene completamente chiusa alla vista da una gigantesca pubblicità di un’oreficeria.

6 dicembre 2013, secondo intervento: i ponteggi e il cantiere spariscono in poche ore. C’è chi dice che la rimozione sia stata disposta in onore di papa Francesco, che l’8 dicembre avrebbe compiuto il tradizionale pellegrinaggio alla statua della Madonna posta in cima all’obelisco di piazza di Spagna. La risposta ufficiale però dirà che il cantiere è stato rimosso per consentire una migliore fruibilità della piazza ai turisti durante le festività di Natale. All’apparenza sembra che nelle sei settimane di cantiere la fontana non sia stata nemmeno toccata.


7 gennaio 2014, terzo intervento: ricompaiono in piazza operai, tubi Innocenti e grate metalliche. Si montano di nuovo i ponteggi e i teli di copertura del cantiere. Forse è la volta buona per iniziare il restauro.

20 gennaio 2014, quarto intervento: nuovo lavoro sui ponteggi. Viene installata la mega pubblicità di una fabbrica di orologi. Di lavori all'interno della fontana però ancora non si ha traccia.

Febbraio 2014, quinto intervento: viene rimossa dai ponteggi la pubblicità degli orologi.
 
6 marzo 2014, sesto intervento: di nuovo operai al lavoro, non sulla fontana ma ancora sui ponteggi. Sembra che il ponteggio fosse troppo alto e disturbasse la veduta della Scalinata di Trinità dei Monti a chi proveniva da via Condotti.

10 marzo 2014, settimo intervento: gli operai montano sui ponteggi una nuova, grande pubblicità, stavolta di un famoso marchio del lusso che ha il flagshop a pochi metri di distanza. Però gli occhi profani dei cittadini ancora non percepiscono un intervento sulla fontana.

aprile 2014. Finalmente qualcosa si muove. Dopo l'installazione di un telo protettivo sopra la fontana, appaiono le restauratrici all'interno del cantiere.



Giugno 2014: I lavori adesso procedono alacremente


Luglio 2014: cambia di nuovo la pubblicità intorno al cantiere al centro di piazza di Spagna:

Agosto 2014: viene sostituito il cartello descrittivo dei lavori, con la nuova scadenza del 31 agosto

Commenti

Luigia ha detto…
Mi sarebbe piaciuto molto che lei avesse scritto quello che ha scritto dopo essersi debitamente documentato ed informato...peccato...
Conto sul fatto che spesso amiamo apparire peggiori di quello che siamo (...in questo caso un banale sputasentenze e non un blogger brillante e promettente) per sperare che in futuro le venga prima il desiderio di sapere come stanno davvero le cose.
La foto della pioggia sul plexiglass è molto bella, complimenti.
Cordialmente.

Luigia Gambino

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto