Passa ai contenuti principali

Le fontane di Roma, viaggio nel degrado

A proposito di #iosonoRoma , non tutto è semplice come sembra. Ci sono situazioni che con tutta la buona volontà i cittadini da soli non potrebbero mai risanare. Immaginiamo di seguire un turista virtuale in una passeggiata in Prati, lungo i viali alberati dell'elegante quartiere fra S. Pietro e il Tevere. Con noi sarà il fotografo Paolo Cerino, che cercherà di documentare con le sue foto quello che il turista vedrà.

Partenza da piazza Monte Grappa, dove è collocata un'opera d'arte del celebre artista polacco Igor Mitoraj, scomparso meno di un anno fa e autore anche degli splendidi portali laterali della Basilica di Santa Maria degli Angeli. E' la Dea Roma,

una statua-fontana alta oltre 6 metri, donata da Finmeccanica (che ha la sede sulla piazza) alla città nel 2003. Oggi però la situazione appare drammatica: il giardino è completamente circondato dalla onnipresente rete rossa di plastica che delimita i lavori in corso o le zone a rischio.

La statua emerge, ma solo grazie alla sua altezza, da un groviglio di erbacce e papiri, fra pietre divelte e muretti sconnessi.

La sensazione che si prova è simile a quella di Indiana Jones quando trova un reperto antico nel cuore della giungla. Di acqua ovviamente non esce nemmeno una goccia, ma qualche abitante del luogo informa che da anni la fontana è chiusa. Il volto della Dea Roma è deturpato da muffe e incrostazioni, la superficie della statua è ingiallito, e sembra rappresentare perfettamente la città di cui porta il nome.

Il turista allora imbocca viale Mazzini e si dirige verso l'omonima piazza, diretto alla "fontana giardino", costruita nel 1927 sul modello di un antico ninfeo, all'interno di un ampio giardino.

La grande vasca centrale è abbastanza pulita, ma irraggiungibile perché il vialetto che la circonda è completamente allagato,

segno che le bocchette di scarico sono otturate. Impossibile anche bere: le fontanelle o sono irraggiungibili o sono rotte o chiuse.

A memoria della loro funzione rimane la scritta scolpita nella pietra "Acqua Trevi", a testimonianza che l'acqua che scorre è quella dell'Acquedotto Vergine, quello che termina con la spettacolare mostra di Fontana di Trevi.

Il giardino al centro di piazza Mazzini purtroppo è sede di alcuni senza tetto che utilizzano l'area come un vero e proprio campeggio:


nascosti dietro le siepi giacigli di cartone, stoviglie, finanche un set da barba, rendendo problematico anche il solo passeggio.


L'ultima possibilità che rimane al povero turista è quella di camminare lungo viale delle Milizie con destinazione piazzale degli Eroi, per l'ultima fontana "monumentale" ai margini del quartiere Prati. La fontana di piazzale degli Eroi è la mostra terminale dell’Acquedotto del Peschiera, ed è datata 1949.

L'aspetto è modesto, ma lo sporco nell'acqua e le incrostazioni sul vascone di cemento la intristiscono ancora di più.

Una colonia di gabbiani se n'è appropriata e la difende con aggressività verso chi tenta di avvicinarsi.

Al turista non rimane che ammirare lo scorcio di panorama dominato dal cupolone di S. Pietro e andare a cercare il fresco in una zona più accogliente.

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto