Passa ai contenuti principali

Non solo Spelacchio. Gli alberi di Natale a Roma nel 2017

Dopo le tante discussioni su "Spelacchio", il tanto chiacchierato albero di Natale innalzato dal comune di Roma in piazza Venezia, mi è venuta voglia di vedere quali altri alberi siano visibili nel centro storico della capitale.




Procedendo lungo via del Corso, il primo che incontro è quello di Piazza San Lorenzo in Lucina, anche lui non proprio un "gran fusto" e con addobbi molto "sobri" se non poveri.


Attraversando via del Corso e percorrendo via Condotti, arrivo dritto in piazza di Spagna. Qui c'è da scegliere: sulla scalinata di Trinità dei Monti il futurista e rutilante (di notte) "albero" sponsorizzato da Bulgari ("usurpatore" del posto tradizionalmente dedicato al presepe storico fino a due anni fa), a forma di canne d'organo.




Poco più sotto, in piazza Mignanelli, c'è l'enorme abete (finalmente un'immagine tradizionale) sponsorizzato dalla maison Valentino, riccamente decorato da migliaia di luci e fotografato dai tanti turisti di passaggio in uno dei luoghi più celebri della città.


Camminando a ritroso in direzione Fontana di Trevi, incontro il modesto abete posizionato proprio davanti alla basilica di S. Andrea delle Fratte. Tante palle rosse, ma l'effetto complessivo non è di grande impatto.


A poche decine di metri, al coperto, lo scintillante e moderno albero della Galleria Alberto Sordi. Una rivisitazione moderna, ma non stravolgente, del tipico abete.

Ma continuo a camminare. Arrivo a piazza Capranica. Qui un alberello quasi familiare, addobbato con una lunga fascia a spirale, ricorda il Natale a pochi metri dal Pantheon.

Ora però mi concedo una deviazione: prendo un autobus che in dieci minuti mi porta davanti ad una delle "porte" di ingresso nella città eterna, la stazione Termini. L'abete è altissimo e decorato con migliaia di luci. Impossibile resistere alla tentazione di scattare una foto ricordo.

Il giro è quasi finito. E per completarlo mi regalo la visione di quello che a mio giudizio è il più bello: lo splendido abete innalzato in piazza S. Pietro, accanto al rituale presepe.


Ecco, ora il quadro è più completo. Belli, brutti, striminziti, poveri, ricchi, addobbati o spogli, questi sono gli abeti che ornano Roma per il Natale 2017. A voi il giudizio. E se non vi bastano le foto...venite a vederli di persona!

Commenti

Post popolari in questo blog

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …