Passa ai contenuti principali

Il Barbiere di Siviglia in via della Pisana

"Portate con voi una sedia!" Con questo slogan, di antico sapore,  è stata lanciata nei giorni scorsi l'iniziativa "Opera Camion", realizzata dal Teatro dell'Opera di Roma per l'estate 2019 a Roma.



Qui le foto della serata: https://photos.app.goo.gl/gN21nre2TxpjYcER7

Pochi, semplici ma eccellenti ingredienti per una serata di arte "popolare": un camion con pedana come palcoscenico;

un grande autore, Rossini; un'opera celeberrima, il Barbiere di Siviglia; i migliori giovani professionisti operanti a Roma, la Youth Orchestra del Teatro dell'Opera;

Una stupenda e colorata scenografia digitale.


E le strade della periferia di Roma, tante volte oltraggiate, finalmente felici di poter ospitare nel buio della notte estiva le note del grande autore pesarese. Oltre 500 persone ieri sera, 27 giugno 2019, hanno assistito alla storia del rossiniano barbiere in via della Pisana, periferia ovest, zona con tanti problemi soprattutto di viabilità e mobilità.

Peccato che la magia dell'opera non sia riuscita a far dimenticare ai cittadini i problemi che strangolano il quartiere. Infatti, mentre era in corso la rappresentazione, proprio via della Pisana veniva chiusa per lavori urgenti di Italgas, creando il blocco del traffico lungo un'arteria vitale.

E proprio a fianco dell'area utilizzata per la rappresentazione, a fianco della scuola media Villoresi, cumuli di spazzatura decomposta sul selciato ammorbavano l'aria.

Alla fine comunque applausi per i giovani e bravissimi artisti italiani e stranieri di Youth Orchestra e del progetto Fabbrica che sono stati i protagonisti su questo anomalo palcoscenico e che hanno colorato d'arte una periferia romana tante volte abbandonata a se stessa.

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

La via Crucis fra via della Pisana e Bravetta

In questi giorni della Settimana Santa sono tante le celebrazioni che animano i luoghi di Roma. Ma accanto alle grandi funzioni che richiamano nelle basiliche e nei luoghi storici migliaia di fedeli, si svolgono riti anche nelle tante periferie, riti che ci ricordano come Roma a volte sia un po' anche la somma di tanti piccoli paesini uno a fianco dell'altro, dove la fede si esprime con gesti semplici, ma ricchi di partecipazione e di Amore.

E così, numerosi fedeli sono accorsi la sera di lunedì 15 aprile per rievocare la passione di Nostro Signore Gesù Cristo attraverso il pio esercizio della via Crucis, celebrata nelle strade della XXXI prefettura, fra via della Pisana e via di Bravetta, nella periferia ovest della capitale.

Alla via Crucis, partita dalla chiesa di S. Maria della Perseveranza e conclusasi nella chiesa del SS Crocifisso, hanno partecipato il Vescovo ausiliare di settore, d. Paolo Selvadagi,  i religiosi e i fedeli delle sette parrocchie della prefettura:

San …

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …