Passa ai contenuti principali

26 novembre: i ciclisti romani incontrano l'Amministrazione Comunale

CICLODECALOGO DEI CICLISTI ROMANI *


1. SVILUPPO DELLA MOBILITÀ CICLISTICA URBANA

2. RIDUZIONE DELLA VELOCITÀ: ZONE 30 IN TUTTO IL CENTRO STORICO, NELLE ZTL E NELLE STRADE INTERNE RESIDENZIALI. RIGOROSO 50 ALTROVE. ATTRAVERSAMENTI PEDONALI RIALZATI

3. ITINERARI/PISTE CICLABILI E CICLO-PEDONALI DOVUNQUE SIA POSSIBILE,

Interventi con carattere di urgenza indifferibile:

o parcheggio chiuso della piscia costruita per i recenti mondiali di nuoto, in corrispondenza della Ciclovia della Musica;

o Ciclovia Tevere. Irricevibile e scandalosa l'utilizzazione della banchine a parcheggio o scorrimento di veicoli a motore. Si sposti l'Estate Romana sulla sponda sinistra del Tevere per evitare il blocco della ciclabile da Maggio a Ottobre, proprio nel periodo più favorevole;

o Ciclabile “Palmiro Togliatti”. Correggere i gravi difetti di progettazione e restituirla al ruolo di potenziale strategico raccordo Aniene -Nomentana-Tiburtina-Casilina-Cinecittà-Acquedotti -

o Appio-Colombo-EUR-Centro-Tevere. Improcrastinabile la soluzione per Collatina e ferrovia FS.

SIANO AVVIATI O RIPRESI I LAVORI PER LE GIA’ PREVISTE CICLABILI a:

- viale Marconi per raccordo Laurentina con Ciclovia Tevere e passaggio nell'area di Roma 3;

- via Nomentana ora ancor più valida con la postazione bike sharing a Villa Torlonia

- Testaccio;

- Mura Aureliane, strategico raccordo tangenziale già semipronto sfruttando il pomerio

- Andrea Doria;

- Laurentina –Torpagnotta – Vallerano -Trigoria

- prolungamento Tevere Mezzocammino - Mare su strategico argine sinistro verso Ostia.

- Con gesto di grande valore politico e riconosciuta unanime sensibilità si dedichi ad Eva Bohdhalova un nuovo percorso Ciclabile Centrale ad anello Colosseo/CircoMassimo/P.za Venezia/Fori/Colosseo.

4. BICIPLAN. Sia immediatamente rimosso l’incomprensibile blocco e sia avviata la fase di progettazione esecutiva

5. ZTL e ISOLE PEDONALI. FUORI LE AUTO DAL CENTRO

6. STRADE VERDI E PARCHEGGI DI SCAMBIO

7. INTERMODALITA' BICICLETTE/MEZZI PUBBLICI

8. STALLI E RASTRELLIERE OVUNQUE

9. BIKE SHARING

10. REGOLAMENTO EDILIZIO cittadino per le bici in condominio


Ideato, scritto e pubblicizzato da Caio Fabrizio

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …