Passa ai contenuti principali

A Moment in Time - AGGIORNAMENTO

La foto è stata pubblicata nel "mosaico" globale del NYT ed attende solo di essere vista e "raccomandata" a questo link

Il New York Times ha chiesto a tutti i suoi lettori nel mondo di scattare una foto domenica 2 maggio alle 15.00 UCT, cioè alle 17.00 in Italia, e di spedirla alla loro redazione per comporre un mosaico di immagini internazionali. Questa iniziativa si chiama "A Moment in Time". Il collante di queste immagini è l'essere state scattate tutte nello stesso momento.
Questa è la mia immagine delle 15.00 UTC da Roma per "A Moment in Time":

Commenti

Anonimo ha detto…
Bella Mago, bellissima e commovente...ma nun ce provà, i bambini purtroppo hanno smesso de giocà a pallone in strada negli anni '60 (= noi).

Complimenti al sogno ricreato in camera oscura.

AVe caio de'strada

(adesso ricrea e "scatta" masse di lavoratori quotidiani in bici, daje il 13 è vicino....)
Anonimo ha detto…
Buongiono Magociclo,

Volevo sapere se hai notizie della tua foto ed inoltre, se e' possibile vederla ne sito NYT

MAP
magociclo ha detto…
Not yet. The entire gallery goes on view in about a week on the NYT blog site. I'll advise you asap
magociclo ha detto…
From the NYT/Lens web site:
"the number of submissions has so far exceeded our hopes — nearly 14,000 at last count — that we’ve been struggling to stay ahead of the tide as we review every image and caption coming in.

... we’re so eager to share the full presentation with you, which we’ll do as soon as we possibly can.
Anonimo ha detto…
WWWW Magociclo!!!!! (Wizardcycle or the wizard of cycle)
ormai bisogna passare all'inglese...dopo il NYT.............:-))

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …

25 Aprile 2017 nel XII municipio di Roma

Il 25 Aprile si sono tenute nel quartiere Bravetta di Roma due celebrazioni per la festa della Liberazione dal nazifascismo.
La prima, all'incrocio fra via della Pisana e via di Bravetta, dove è posta una stele in memoria dei caduti del quartiere. La seconda nel Parco dei martiri di Forte Bravetta, dove furono trucidati decine di romane e romani fra l'ottobre 1943 e il giugno del 1944. Qui le foto delle due manifestazioni.



Durante la celebrazione a Forte Bravetta Ernesto Bassignano, cantautore, giornalista e conduttore radiofonico, ha intonato alcuni canti della resistenza.



A Forte Bravetta ha partecipato, senza peraltro pronunciare alcun discorso ufficiale, il presidente del Partito Democratico, Matteo Orfini.