Passa ai contenuti principali

Eroica 2010 - io c'ero

Cronaca semiseria di una partecipazione all' Eroica 2010 ai limiti ( e oltre) del regolamento:

Ed eccoci qua: è sabato 2 ottobre e siamo arrivati a Gaiole in Chianti. La sistemazione è decorosa, nel campo sportivo del paese,
ci sono tante persone ed il tempo è sereno. La squadra è al completo e il capitano è già all'opera con la sua "clinica mobile".
Anche la notte scorre tranquilla, con in mente tutti i possibili ostacoli offeri dal percorso
Nulla insomma che facesse presagire gli avvenimenti della domenica.
Alla partenza tanti ciclisti festanti e contenti, compresi i 5 della "Meta Sudans"
Eppure un implacabile, pignolo ed esageratamente fiscale giudice di gara attendeva al varco magociclo.

"Questa bici non può partecipare all'Eroica" sentenzia il giudice di gara al passaggio di magociclo per il timbro di partenza sul cartoncino verde. E con un gesto arrogante e violento stacca dal telaio della bici il numero tanto sospirato nei mesi precedenti. A nulla sono valse le proteste e le lamentele, le attestazioni che la bici è originale del 1981...Niente, un gesto inappellabile e via: squalificato per non conformità del mezzo al regolamento tecnico. I cavi dei freni, anzichè svettare curvi sopra il manubri giacevano timidi sotto il nastro. La differenza è solo estetica e non funzionale, ma l'Eroica vuole le sue vittime e magociclo, e il compagno Parvus Magister, non essendo sponsorizzati dalla banca locale o dalla sempre locale cantina di vini, sono stati squalificati.
La rabbia, la delusione, lo sconforto sono stati altissimi. Magociclo continuava a pedalare con i suoi partner senza nemmeno rendersi conto di essersi infilato comunque nel "main stream" dei concorrenti e di aver inziato la sua prima Eroica. Se n'è poi reso conto di botto all'inizio della salita di Brolio dove si è trovato ad ansimare e sbuffare insieme a tanti altri ciclisti.
Insomma magociclo, a dispetto dello sprezzante giudice, insensibile ai lamenti dolorosi di chi sognava la sua prima Eroica, l'Eroica la stava davvero percorrendo, era su uno dei famosi "settori" di strada bianca.

Però l'amarezza di non poter comunque apparire sull'ordine di arrivo finale e una fine ma implacabile pioggia hanno indotto il vostro mago ad imboccare la deviazione del percorso breve e, dopo una breve sosta al ristoro, ricco di cibi, bevande
e simpatia dei partecipanti e degli addetti al servizio,
si è trovato, in poco meno di 2 ore, di nuovo a Gaiole, dopo aver percorso 38 chilometri.
Nei prossimi giorni ci saranno riflessioni più accurate: stasera solo due flash.
L'amarezza per aver subito una decisione tecnicamente fondata ma umanamente inaccettabile (solo per la cronaca, magociclo ha contato oltre 40 altri concorrenti aver percorso l'Eroica con bici non in regola con il regolamento per varie difformità);
la gioia di aver vissuto tutta la preparazione e la vigilia dell'Eroica e di aver percorso, anche se solo per poche decine di chilometri, le mitiche strade bianche toscane, una volta ancora dedicate al ciclismo.

Commenti

Anonimo ha detto…
che incu..ta...
Bikediablo ha detto…
ciao Mago, leggo solo ora della tua esclusione... immagino l'amarezza, ma ti rifarai ne sono certo ;-)
Anonimo ha detto…
Però...che la dura la vince. Grazie alle insistenze mie e del capitano della squadra "Ventus", sono stato registrato come partecipante al percorso breve ed inserito nella lsita degli arrivati:
GRANDE EROICA!!!
magociclo

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l