Passa ai contenuti principali

Sacinomachìa Eroica

Dal Patron ricevo:


Miei diletti faticatori,

visto e considerato che la Meta Sudans non ha il becco d’un quattrino, per tributare il meritato omaggio ai vostri eroici pedalamenti in terra toscana, durante l’ultimo fine settimana non ho trovato di meglio che ricorrere ai gratuiti servizi del mio erudito ( ma ahimè neghittoso) collaboratore Guglielmino Maria Crollalanza (CMG per chi ama gli acronimi), poeta aulico screditato (pardon, accreditato) presso le corti più prestigiose dell’Africa Subsahariana.
Costui, corto di vista ma svelto di penna, è autore fra l’altro della celebre lirica “Teniss’ cient’ lire”, studiata nelle scuole di ogni ordine e grado del regno delle Due Sicilie. Colgo l’occasione per rammentarvi che il povero CMG è momentaneamente disoccupato e langue nel più disperato bisogno, oppresso dalla preoccupazione per il mantenimento delle sue diciassette consorti (e vi lascio soltanto immaginare il seguito di suocere e figli che egli si trova a dover amorevolmente accudire). Ogni pur minimo contributo che la vostra soccorrevole munificenza dovesse voler destinare ad alleviare le ambasce del Crollalanza potrà essere versato direttamente al sottoscritto (che provvederà poi a inoltrargli la somma raccolta - trattenendo per sé un modestissimo rimborso per l’incomodo - sul conto a lui cointestato presso la Guarinon’s Bank di Pope’s Rock, Aruba).
Ecco dunque, miei generosi sudanti, il frutto della sua vena. Noterete la particolarissima metrica in doppi decametri sbilenco-guarinoniani a rima semi-alternata adottata dall’Autore (esempio unico nel pur variegatissimo universo dei poetastri della domenica).
Il vostro patron.

Sacinomachìa eroica

Dell’Eroica le dure salite / percorreste con fiera baldanza
con il petto rigonfio d’orgoglio / e lo stemma di SACE sul cor!
I garretti a ritmar muscolosi / sui pedali la mistica danza,
arrivaste a Gaiòle nel Chianti / infiammati di speme e d’amor.

Già in partenza un protervo giurato / decimò lo squadrone possente
applicando l’infami sue norme /all’indomito vecchio Cerino
che schiumando di rabbia dovette / sottostare al sopruso evidente.
Ma pur privo del numero ambìto / la sua mèta raggiunse, il tapino.

La certezza del nostro ideale / lo sostenne nel duro momento.
Strinse i denti, la pancia ed i pugni / sul manubrio di ruvido acciaio.
Disse “Ohibò! Vincerò, me lo sento, / questo duro e truccato cimento!”,
e partì quale giovin stambecco /su per l’erta d’un bianco nevaio.

Ei scorgea di lontano la maglia / di Giancarlo suo gran capitano
Che schivando le gocce di pioggia / procedea come fulmine ratto,
e tergeva con gesto veloce / ogni schizzo di fango villano
si posasse a turbare il nitore / del telaio sì caro al suo tatto.

Sabatini! La musa m’impone / di cantar le tue mitiche gesta.
Tu che insonne studioso di ruote, / iniziasti all’eroico pedale
riluttanti ed ignavi sacini / che scotendo, dapprima, la testa
si convinsero infine a seguirti / sulle vie d’un destino fatale.

Solo tu dalla rupe inviolata / del tuo sogno d’eterno ragazzo
li potevi strappare alla noia /del tran tran sì mortifero e mesto
d’una vita di duro servaggio / in quel cupo ed antico palazzo,
ove anchìlosi presto s’apprende / alle stanche giunture… ed al resto.


Ma neppure l’eroico Giancarlo, / nonostante l’enorme sua fede,
una tale ciurmaglia poteva / trascinare sull’ali del vento:
fu l’Antonio Massoli Taddei, / ché il destino benigno provvede,
a incitare con fulgido esempio / i colleghi dall’animo spento.

Inforcata l’antica sua Bianchi, / s’involò verso gli erti dirupi:
i polpacci d’acciaio tornito / saettando emettevano suoni,
nel suo petto di bronzo brunito / i polmoni rombavano cupi,
anco i peli dell’ispido grugno / rosseggiavano a mo’ di tizzoni.

Ed il pubblico attonito accorso / a mirare l’impresa del nostro
non vedé che una macchia rubizza /scomparire lontano lontano.
Una nuvola rossa, un ciclone,/ ma che dico, un autentico mostro!
Troppo rapido fu quel passaggio / p’esser colto da occhio d’umano.

Percepita fu invece la grazia / della figlia del rosso campione,
una fresca fanciulla d’aspetto, / ma più tosta d’un rude sergente,
che del padre seguiva le orme / sulle vie dell’eroica tenzone
ed al povero Carlo arrancante…/ non faceva capire più niente.

Diligente difatti seguiva / Magistrelli sul fido suo mezzo
ma lo sguardo spostar non poteva / dalle forme leggiadre di Chiara.
Non s’accorse, perduto nel sogno, / che la corsa era chiusa da un pezzo,
e ricorso, tre ore più tardi, / lo destò un commissario di gara.

Musa, tu che di ciò sai la cagion / – come diceva quello - tu la mi detta!
Quale dea suggerì ai Sabatini, / ai Massoli ed ai loro affiliati
ignorando l’anagrafe empia, / d’impegnarsi a scalare ogni vetta
e percorrere l’aspri sentieri /di quei colli dai Toschi abitati?


Un maligno sospetto mi rode, / da quel vecchio bilioso che sono:
non sarà che svaniti gli ormoni / di quel tempo felice che fu
i vecchietti ripiegano mesti / su quel poco che resta di buono?
Pedalando si scordano, insomma, / dei piacer che non godono più.

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …