Passa ai contenuti principali

La Sierra Nevada in mountain bike

Il nostro "agente" in Spagna, S., ci invia la documentazione di un bellissimo percorso in fuoristrada sulla Sierra Nevada: la partenza e l'arrivo sono a Granada. Questo l'itinerario: Granada - Monachil - Fuente del Hervidero - Collado Cerro Gordo - Central de Diechar - El Purche - Pinos Genil - Granada.
Si tratta di un percorso in quota, con panorami mozzafiato, ben documentati dalle tante foto ricevute. Buona visione!

1 - inizio della sterrata e della salita "vera" poco dopo Monachil


2 - "cortijo" (fattoria ) lungo il percorso

3 - passaggio "avventura" (scattata da un ragazzo che mi ha accompagnato per i primi 25 km)

4 - l'ingresso alla valle più selvaggia, dopo la fuente del hervidero

5 - "puente de los siete ojos"

6 - salendo verso il Jardin Botanico con il Trevenque (2083 m) sullo sfondo

7 - la valle percorsa con molta fatica...la foto 4 è scattata all'imbocco della valle, 400 metri più in basso!

8 - inizio della seconda sterrata, a pochi km dal punto più alto

9 - come la 8

10 - vicini al GPM...

11 - come la 10, però dall'altro lato; il picco nero con un pò di neve è sempre il Trevenque, da più lontano


12 - l'altimetro testimonia il raggiungimento della vetta (secondo la carta, la quota dovrebbe essere 1786 m)

13 - un tratto della favolosa discesa

14 - "sorprese" lungo la strada

15 - verso la parte bassa della discesa

16 - come la 15

17 - paesaggi lunari lungo la discesa; oltre al clima, il tipo di roccia (dolomia) non è molto adatto per la vegetazione

18 - centrale elettrica di Diechar, il punto più basso (1250 circa)... da lì bisogna risalire fino a 1491 prima di conquistare la agognata discesa finale (ma io non lo sapevo)

19 - tratto finale di discesa vicino alla centrale, sul versante assolato si vedono i tornanti della salita che mi aspettano

20 - "sorpresa" poco piacevole a fine discesa...piedi bagnati fin sopra le caviglie

21 - i tornanti della salita; non molto duri, ma nelle gambe ci sono già 40 km. Sullo sfondo una parte del Veleta

Per chi nutrisse un insano senso competitivo e volesse emulare S., posso anche rendere disponibile il file del percorso e l'altimetria.

Commenti

halverman ha detto…
molto interessante questa estate vorremmo fare un biketrek in andalusia e si pensava di partire proprio da granada. eè possiblie metterci in contatto con l'autore?
halverman@libero.it

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto