Passa ai contenuti principali

Sierra Nevada in bici - 2

Il nostro "agente in Spagna", S., ci ha preso gusto e ci presenta un'altra escursione, compiuta qualche settimana fa (a novembre 2010) in bicicletta sulla Sierra Nevada. Lascio a lui la parola e le immagini, ringraziandolo per averci regalato quest'altra perla!

"Alcune settimane fa, nonostante il freddo e il maltempo, ho preso la bici e ho affrontato la Sierra.
Le cose interessante di questo giro sono la strada e la parte storica:

- la strada: dopo il paese di Güejar Sierra  la strada diventa una specie di mulattiera, strettissima (ma asfaltata) e si tuffa in una valle spettacolare e strettissima.
Dopo alcuni km di curve e discesa, riprende a salire, arrampicandosi orribilmente sul versante nord della valle: in circa 7 km si supera un dislivello di quasi 700 m, con pendenza media al 10%.
La salita ti accoglie con una serie di tornanti nel bosco con pendenza scoraggiante e prosegue curvosa e imperterrita, attraversando castagneti e querceti, mentre i panorami si aprono sempre più.
Secondo un ciclista spagnolo incontrato quel giorno, alcuni tratti raggiungono il 15-20%, però fortunatamente ci sono anche brevi pezzi semi-pianeggianti!
La stradaccia si unisce alla A-395 Carretera de la Sierra, che raggiunge la stazione sciistica e presenta pendenze molto più amichevoli.
Per amore della verità, non posso dire di essere salito sempre pedalando...tutto il tratto di "mulattiera" con pendenze ostiche è stato affrontato camminando, spingendo la bicicletta.

- parte storica: i primi del 1900 il duca di San Pedro de Galatino costruì un hotel su questo versante della Sierra (vicino a dove passa la strada): el Hotel del Duque. Per promuovere il turismo, convinse i granadini a finanziare un'opera colossale, la costruzione di un tram per unire Granada alle vicinanze dell'hotel (circa 20 km, oltre 400 m di dislivello, percorso di montagna). L'operazione funzionò e in vari anni costruirono il tram (tranvía de la Sierra), che, purtroppo, è stato smantellato nel 1974 per costruire il lago artificiale
La storia più dettagliata la trovi qui (in spagnolo, ma si dovrebbe capire).

In pratica il tram aveva una stazione nella valle (Maitena, El Charcón), dalla quale partivano carrozze con cavalli che affrontavano la mulattiera che ho fatto in bicicletta, portando i clienti fino all'albergo!

Indipendentemente dalla salita e/o dal valore storico dell'itinerario, i panorami sono incredibili, specialmente in autunno con i colori dei boschi e la prima neve sui monti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …