Passa ai contenuti principali

Ora voglio vedere se qualcuno riesce a bucare!

Ron Arad, designer israeliano, ha sviluppato una proposta davvero innovativa. Togliere dalle bici le delicate ruote composte da un cerchione e da un rivestimento (tubolare, oppure copertoncino e camera d'aria) rigonfio di aria. Sono un oggetto antiquato, roba del XIX secolo. Ora, nel XXI secolo si deve dare spazio alle leghe e ai metalli. Ed ecco allora l'idea: sostituire la vecchia ruota, quella che siamo abituati da sempre a vedere, con una "ruota" che ha la forma di una corolla di fiore, come la disegnerebbe un bambino.

18 petali di acciaio temprato per ogni "ruota", uno accanto all'altro, a creare la forma sferica, con una superficie di contatto con il suolo maggiore di quella di una normale ruota di bici.

la Soft-ride bike di Ron Arad
Il comfort? nessun problema dichiarano i collaboratori di Ron. Anzi, aumentando la velocità, il comfort è superiore a quello di una bici con le gomme. Magari in curva non terrà proprio benissimo, forse sul pavé di via dei Fori Imperiali traballerà un po'...ma vuoi mettere? e poi è molto chic, senza cavi, guaine...ops, ma non si vedono nemmeno le leve dei freni. Delle due, una: o è una "fixed" o ha un freno nel mozzo posteriore. Bisognerà chiedere agli amici "fissati" come potrebbe "skiddare" questa ruota di metallo. E se durante una "skiddata" si apre la corolla e i petali vanno ognuno per conto loro?

Ron Arad mostra orgoglioso la sua soft ride bike



Questa bici è all'asta. Se qualcuno fosse interessato può partecipare facendo un'offerta fino al 29 di ottobre su questa pagina di Facebook. E' la pagina dell'hotel "W", che ha promosso un'asta il cui ricavato andrà alla Associazione contro l'AIDS creata da Elton John. In questo momento la bici quota 5.250 sterline (circa 6.100 euro). Un po' costosa, ma vuoi mettere andare sulla al ciclo picnic o al bike-to-work lunch con questa bici? E poi stavolta voglio proprio vedere chi riesce a bucare!!

Commenti

Lug il Marziano ha detto…
Chissà com'e' silenziosa, poi...

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l