Passa ai contenuti principali

Orti in città

Poco più di 5 km da piazza S. Pietro, 2 km dall'Aurelia, solo poche centinaia di metri dalla trafficata via di Bravetta: queste le distanze da percorrere per raggiungere il "Parco ad orti urbani Fosso di Bravetta".

In realtà siamo in piena città, 5 km all'interno del Raccordo Anulare, fra palazzine e casette costruite in economia, in una di quelle sempre più rare sacche di terreno libero, salvatosi per miracolo dall'affamata speculazione edilizia che in 40 anni ha saccheggiato chilometri e chilometri di campagna intorno alla città.



In quest'area, dove spontaneamente un gruppo di cittadini aveva dato vita anni fa ad una serie di "orti di pace", il Comune è intervenuto, ha bonificato l'area, l'ha recintata, l'ha dotata di acqua ad uso irriguo e potabile, ha installato alcuni giochi per bambini e i servizi, e poi ha dato in gestione ad un'associazione una ventina di "lotti" di circa 150 metri quadrati da adibire ad orto.



Carote, melanzane, finocchi, cavoli crescono rigogliosi a pochi metri da una grande strada di collegamento fra Bravetta e Pisana, curati amorevolmente da un gruppo di maturi contadini, con alle spalle anni di lavoro nei cantieri o nelle aziende romane, e ora con tanto tempo libero a disposizione e la voglia di non sprecarlo.




Ti mostrano orgogliosi il loro "orto", contrassegnato da un numero progressivo, ti spiegano i tempi delle colture e ti raccontano la rabbia che sale quando, arrivando la mattina, scoprono che qualche ladruncolo si è portato via una fila di finocchi o una busta di melanzane pronte per la padella.





E fra un campo di insalatina e uno di fagioli c'è anche lo spazio per i giochi dei bambini, che numerosi frequentano il parco, soprattutto il pomeriggio: uno splendido esempio di contaminazione fra età e azioni diverse, in cui i bambini osservano i nonni coltivare il campo, e capiscono meglio i tempi della natura, imparano a distinguere una pianta di cavolo da una di pomodori e si rendono conto che gli ortaggi non nascono all'interno delle celle refrigerate del supermercato.

Commenti

Jerry de Concilio ha detto…
Molto interessante, talvolta non capitacdi immaginare che a pochi km da Roma ci siano spazi di cosi grande importanza sociale.

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …