Passa ai contenuti principali

Roma non è Valencia

Roma non è Ferrara, ma nemmeno Valencia. In questi giorni si discute a Roma della costruzione di un ponte ciclopedonale sull'Aniene che sarà pronto nel 2011 e di un ponte sul Tevere, all'altezza di lungotevere Flaminio, che la città aspetta da oltre 100 anni.
E mentre Roma parla a Valencia, terza città della Spagna, 800.000 abitanti e 78 km di piste ciclabili, hanno costruito in 4 anni scarsi, praticamente dal nulla, un porto gigantesco e bellissimo per l’America’s Cup. Hanno creato un parco urbano, quello del Turia, deviando l’omonimo fiume, (avete capito bene: hanno deviato il letto del fiume dal centro della città alla periferia!!) che offre uno sfogo verde a tutta la città. Il vecchio corso del fiume è diventato il Jardín del Turia, grande giardino e polmone verde della città. Lungo questo giardino si alternano impianti sportivi e prati. Lungo le due (ex) rive si trovano alcuni dei principali musei, monumenti e punti di interesse turistico della città che rendono questo grande parco urbano un autentico "fiume di cultura". In città corrono 100 bus ecologici, ci sono 89 impianti sportivi, sono stati raddoppiati i punti luce, le strade del centro hanno tutte asfalto fonoassobente (potremmo fare uno scambio con il nostro "sampietrino"?), la Città della Scienza, il Palazzo della Musica. Quant'è vero: Roma non è Valencia!

Prima dei saluti voglio però fare un inciso serio. Nei miei commenti prevale spesso il senso di sfiducia e stanchezza verso chi ci amministra, mentre altri partecipanti al Blog invitano a saper cogliere anche gli aspetti di positività che la nostra città offre. Tuttavia io sono convinto che il livello di degrado fra politica e mondo degli affari sia giunto a Roma (ma forse anche nel resto dell'Italia) ad un punto di gravità assoluta: il mondo della politica, privo di contatti con la vita vera (l'amico consigliere del 17° municipio è un'eccezione straordinaria) ha bisogno di sostegni, e li ottiene dal mondo degli affari. Il mondo degli affari in cambio del sostegno ad una politica agonizzante vuole guadagni, e allora via alla cementificazione della periferia, alla costruzione di una città a ridosso delle piste dell'aeroporto (qui è fiumicino, ma l'aria sembra la stessa di Roma) alle strade realizzate senza criterio e con materiali di scarto, all'elargizione di licenze per l'apertura di mostruosi shopping center un po' ovunque, dentro e fuori il GRA. E quando parlo di mondo degli affari non penso solo a raffinate organizzazioni internazionali di spregiudicati tycoon. Penso anche alle nostrane e casarecce organizzazioni che riescono a piazzare bancarelle dovunque (fate un giro a fontana di Trevi o al Colosseo, per non parlare della banchina del tevere) e a condizionare in un clima di egoismo ed illegalità dilagante la vita della nostra città. Siamo strangolati, quelli che sono nostri diritti, una rete di trasporti pubblici funzionante, l'aria pulita, le fogne, i depuratori, le scuole, la manutenzione dei beni appartenenti alla collettività (questa poi è davvero inesistente), pagare delle tasse giuste e non delle gabelle insostenibili, ci vengono presentati, quando raramente appaiono, come privilegi, e forse davvero lo sono. Perciò, scusatemi, ma non ce la faccio a pensare positivo. Riesco a conservare un po' di energia e la uso per denunciare quello che non va e per provare a raddrizzare quello che è possibile raddrizzare.

Commenti

Anonimo ha detto…
Si, probabilmente lo e
Anonimo ha detto…
molto intiresno, grazie
Anonimo ha detto…
La ringrazio per Blog intiresny
Anonimo ha detto…
La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu
Anonimo ha detto…
La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu
Anonimo ha detto…
Perche non:)
Anonimo ha detto…
leggere l'intero blog, pretty good
Anonimo ha detto…
necessita di verificare:)
Anonimo ha detto…
Perche non:)
Anonimo ha detto…
Si, probabilmente lo e
Anonimo ha detto…
good start
Anonimo ha detto…
Perche non:)
Anonimo ha detto…
imparato molto
Anonimo ha detto…
imparato molto
Anonimo ha detto…
Perche non:)
Anonimo ha detto…
necessita di verificare:)
Anonimo ha detto…
molto intiresno, grazie
Anonimo ha detto…
imparato molto
Anonimo ha detto…
molto intiresno, grazie
Anonimo ha detto…
good start
Anonimo ha detto…
Perche non:)
Anonimo ha detto…
quello che stavo cercando, grazie
Anonimo ha detto…
La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu
Anonimo ha detto…
Perche non:)
Anonimo ha detto…
La ringrazio per Blog intiresny

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …

25 Aprile 2017 nel XII municipio di Roma

Il 25 Aprile si sono tenute nel quartiere Bravetta di Roma due celebrazioni per la festa della Liberazione dal nazifascismo.
La prima, all'incrocio fra via della Pisana e via di Bravetta, dove è posta una stele in memoria dei caduti del quartiere. La seconda nel Parco dei martiri di Forte Bravetta, dove furono trucidati decine di romane e romani fra l'ottobre 1943 e il giugno del 1944. Qui le foto delle due manifestazioni.



Durante la celebrazione a Forte Bravetta Ernesto Bassignano, cantautore, giornalista e conduttore radiofonico, ha intonato alcuni canti della resistenza.



A Forte Bravetta ha partecipato, senza peraltro pronunciare alcun discorso ufficiale, il presidente del Partito Democratico, Matteo Orfini.