Passa ai contenuti principali

Posteggio biciclette in città

Passare alle due ruote in città non è solo questione di piste ciclabili, metropolitane o autobus con posto bici: uno dei problemi più pressanti è quello dei posteggi e delle rastrelliere.A Roma il problema è stato risolto "facilmente", rimuovendo alla radice la possibilità di parcheggi sicuri o comodi:
Via del Teatro Vale: la rastrelliera è stata abusivamente spostata in una posizione inutilizzabile per lasciare posto agli scooter

Via Condotti, Roma: nel 2010 rastrelliera, nel 2012 niente più rastrelliera ma posteggio abusivo auto
 Nei casi dove le rastrelliere pubbliche sono rimaste attive, di fatto sono inutilizzabili
Borgo: rastrelliere occupata da anni da rottami di bici
e, quindi, i ciclisti romani si organizzano con parcheggi creativi
Roma, corso Vittorio Emanuele


Roma, piazza Navona

oppure occupando abusivamente marciapiedi e spazi destinati ad altri scopi, per non parlare del rischio furti.
Bici sul marciapiede incatenate ad una cabina elettrica

In questo panorama deprimente è apparsa di recente un’invenzione intelligente di "Manifesto Architecture", un gruppo di designer di New York, che prova a risolvere il problema del parcheggio cittadino nelle metropoli disponendo le bici in verticale, sulle facciate dei palazzi. Il Bike Hanger, questo il nome del progetto, è un dispositivo molto scenografico, che può caricare molte biciclette su una struttura rotante.

rendering di Bike Hanger

Per metterlo in moto e per sistemare o recuperare la propria bici non c’è bisogno di energia elettrica: il meccanismo è attivato da una specie di "cyclette" a pedali, con impatto zero sui consumi energetici. In più il fatto stesso di porre i mezzi al di sopra del livello della strada costituisce anche un deterrente contro i potenziali furti.

Rendering di Bike Hanger

La bellezza (si fa per dire) del Bike hanger sta nella capacità di sfruttare gli spazi interstiziali, i retri, le parti meno utilizzabili degli edifici. Il costo apparentemente più alto rispetto alle rastrelliere tradizionali è compensato dal risparmio di preziosissimi metri quadrati di città. Fino a quindici biciclette possono essere parcheggiate in poco spazio grazie a Bike Hanger, un'enorme catena per bici che si sviluppa in altezza. Sarebbe una soluzione utile per centri commerciali, stazioni metro di periferia, supermercati.

Disegno del progetto del Bike Hanger

Il primo Bike Hanger è un prototipo commissionato dalla città di Seul, in Corea, ma già Londra e New York si sono dimostrate interessate al progetto.
Rendering di Bike Hanger

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

La via Crucis fra via della Pisana e Bravetta

In questi giorni della Settimana Santa sono tante le celebrazioni che animano i luoghi di Roma. Ma accanto alle grandi funzioni che richiamano nelle basiliche e nei luoghi storici migliaia di fedeli, si svolgono riti anche nelle tante periferie, riti che ci ricordano come Roma a volte sia un po' anche la somma di tanti piccoli paesini uno a fianco dell'altro, dove la fede si esprime con gesti semplici, ma ricchi di partecipazione e di Amore.

E così, numerosi fedeli sono accorsi la sera di lunedì 15 aprile per rievocare la passione di Nostro Signore Gesù Cristo attraverso il pio esercizio della via Crucis, celebrata nelle strade della XXXI prefettura, fra via della Pisana e via di Bravetta, nella periferia ovest della capitale.

Alla via Crucis, partita dalla chiesa di S. Maria della Perseveranza e conclusasi nella chiesa del SS Crocifisso, hanno partecipato il Vescovo ausiliare di settore, d. Paolo Selvadagi,  i religiosi e i fedeli delle sette parrocchie della prefettura:

San …

Dal piano alla montagna: i Five To Ten

Protagonisti del concerto del 12 agosto Val Di Fassa Panorama Music ai piedi del Pordoi sono stati i tre giovani romagnoli "Five To Ten", capitanati dalla rossa Silvia De Santis con Fabio “Farian” Biffi al piano e Fabio “Fax” Fenati alla batteria. Qui tutte le foto del concerto: https://photos.app.goo.gl/wCCPkiP2KW8xgxQ36

La vivacissima performance dei tre artisti provenienti dalla pianura ma perfettamente a loro agio fra le vette delle Dolomiti (tranne forse che per l'abbigliamento un po' leggero), si è sviluppata in un crescendo di brani, scelti fra le loro migliori composizioni (davvero interessante Summer Song, la hit 2018 del gruppo)
e standard internazionali fino ad arrivare a mostri sacri quali i Beatles.

Ma, a nostro giudizio, il momento più emozionante è arrivato quando la voce di Silvia ha davvero scalato le altissime vette circostanti intonando un brano apparentemente intoccabile come I'm feeling good, portato al successo da Nina Simone.

Ma la voce pot…