Passa ai contenuti principali

Ancora su furti e antifurti per biciclette

Devo aggiungere un nuovo caso a quelli già documentati nel post sui modi migliori per non farsi rubare la bicicletta pubblicato qui sul blog e che tanta attenzione sta ricevendo.
Ieri, a venti metri da Fontana di Trevi, ho incrociato una bici legata con una catenella da un lato alla struttura di sostegno di un telefono pubblico e dall'altra al tubolarino del portapacchi della bici.


Dire che la bici fosse alla mercé di tutti non sarebbe esatto: io per esempio, non avendo con me il tagliaunghie non avrei potuto portarla via in meno di 10'. Ma chiunque fosse stato interessato ad appropriarsi dell'oggetto senza chiedere il permesso preventivo al proprietario, con il solo aiuto di un coltellino non avrebbe avuto nessuna difficoltà a portarsela via.
In primis, il tubo della cabina del telefono è cavo. Con un seghetto ci vogliono 30/40" ad aprirlo. Però l'operazione farebbe un po' di rumore, proprio perché il tubo è cavo. La sezione degli anelli della catena non è abbastanza larga, e il lucchetto sembra facilmente manomissibile. Ma per aprire la catena ci vorrebbe comunque una tronchesina, e la posizione elevata toglie al ladro la possibilità di sfruttare il suolo per tirare un colpo di martello sul lucchetto.
Ma perché tanto lavoro? il sostegno del portapacchi è assicurato al telaio con due viti a croce, una per lato. Si prende il coltellino multiuso, si estrae l'attrezzo "giravite a croce" e si svita la vite dal lato dove è la catena, che si sfila delicatamente e si lascia a penzoloni dalla cabina, mentre la bici si avvia ad una nuova vita con il ladro. Niente rumore, niente attrezzi sofisticati, niente spreco di tempo.

Ripeto i consigli base da inserire nella categoria che nel post ho definito "poveri illusi". Si tratta di queli proprietari di bici che pensano ingenuamente di aver assicurato in maniera efficace la bici contro il furto e poi spesso ricevono amare sorprese:
  • Utilizzare sempre antifurti solidi: catene (a maglie o a placche metalliche) e lucchetti di sicurezza.
  • Assicurare sempre il TELAIO della bici, e non le ruote, il sellino, il portapacchi.
  • Assicurare sempre l'antifurto ad un supporto solido, inamovibile e piantato nel suolo o nel muro.
La bici della foto seguente è stata rubata nel centro di Roma proprio sollevando il palo. Sarebbe bastato che la proprietaria avesse notato che il palo del segnale stradale è solo infilato nel buco ma non è cementato (v. frecce gialle), anzi, non lo è più perché i ladri, nei giorni precedenti, hanno rotto il blocchetto di cemento e hanno lasciato il palo.



Altrimenti la fine è che la bici sparisce, come purtroppo è capitato martedì a Donatella. Le hanno rubato questa bici a piazzale della Marina durante l'orario di lavoro.


Anzi, se qualcuno dovesse vederla, per favore mi avvisi!

Commenti

Anonimo ha detto…
Senza contare che parliamo di una Bottecchia con pedalata assistita, quindi non certo una bici da 99,90 al supermarket. Il genio ha pure lasciato lì la batteria che, da sola, costa circa 300-400 euro...
Emanuele Bianchi ha detto…
problema che in molte città e molto diffuso.
cmq vi segnalo anche questa iniziativa di Enel con E-Mobility che nn e niente male
http://www.enelgreenpower.com/retail/it-IT/offerta/e_mobility/bicicletta_elettrica/index.aspx

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …

25 Aprile 2017 nel XII municipio di Roma

Il 25 Aprile si sono tenute nel quartiere Bravetta di Roma due celebrazioni per la festa della Liberazione dal nazifascismo.
La prima, all'incrocio fra via della Pisana e via di Bravetta, dove è posta una stele in memoria dei caduti del quartiere. La seconda nel Parco dei martiri di Forte Bravetta, dove furono trucidati decine di romane e romani fra l'ottobre 1943 e il giugno del 1944. Qui le foto delle due manifestazioni.



Durante la celebrazione a Forte Bravetta Ernesto Bassignano, cantautore, giornalista e conduttore radiofonico, ha intonato alcuni canti della resistenza.



A Forte Bravetta ha partecipato, senza peraltro pronunciare alcun discorso ufficiale, il presidente del Partito Democratico, Matteo Orfini.