Passa ai contenuti principali

Facewall all'ospedale S. Camillo di Roma

Questo mio "pezzo" è stato pubblicato nella rubrica del Corriere della Sera on line l'8 dicembre 2014 a questo link:

Roberto, 9/11/14, Kg 3.180. Non è la prima riga della cartella clinica di un neonato ma la scritta cubitale, realizzata con lo spray nero sul muro esterno del reparto di ostetricia dell’ospedale S. Camillo di Roma.

Ma sul muro le annotazioni spaziano, no sono limitate ai dati anagrafici: di Robertino ad esempio sono già note le passioni calcistiche (curva sud, ASR, CUCS), sappiamo che Chloe può riposare tranquilla, contando sull’amore dei nonni, mentre Viola riceve la promessa della zia di portarla presto al bar di “Grassetti”. Un’altra (o la stessa?) Viola può godere da subito di una certa agiatezza (“le due casette ti aspettano, dajeee). Per altri la situazione è più complessa: ad esempio Nikole, che viene descritta come “un’opera d’arte”, troverà un papà sfiancato dall’attesa, che annota sul muro “me la sto a fa’ imbruttita”.

Dall’elenco di nomi è anche possibile trovare conferma dei cambiamenti sociali in corso nella nostra città: ai tradizionali Giulia, Giovanni, Flaminia, si affiancano Luce, Ismail, Chloe, Almudena, e nomi in caratteri cirillici difficilmente decifrabili ad un occhio occidentale. Ogni scritta, ogni nome, ogni data è una storia: storia di un’attesa durata nove mesi, ma anche storia immaginata di una vita futura, sogni, attese, speranze di un riscatto umano e sociale. Ma la domanda vera, profonda, unica che sale alla mente leggendo questi chiassosi messaggi è “perché?”. Perché decine di neo papà, neo nonni e zii sentono l’irrefrenabile impulso di deturpare le mura di un ospedale (peraltro anche ristrutturato) per lanciare al mondo un messaggio così personale? La risposta che mi viene in mente è che siamo davanti ad un caso di “facewall”.

Spiego: nel passato furono la pittura rupestre, il graffito osceno sulle mura delle case di Pompei, l’incisione con un ferro sulle mura del Colosseo di due innamorati della Roma papalina a dare il senso di eternità alla fugacità di un momento. Oggi chiunque può divulgare il proprio pensiero, o anche solo il proprio nome, al mondo intero (e non solo ai relativamente pochi passanti) usando uno qualsiasi dei tanti strumenti tecnologici di cui anche i bambini dispongono. Ma la materialità del messaggio scritto sul muro è un’altra cosa. E’ vero, dal muro è complicato fare condivisioni, mancano i “tag” e il tasto “mi piace. Ma vuoi mettere la soddisfazione di scrivere su una parete (rigorosamente di proprietà altrui, ci mancherebbe!), di incidere nella o sulla materia il pensiero fugace dell’istante?

Forse la speranza è quella di lasciare ai posteri una versione moderna delle pitture rupestri delle grotte di Lascaux in Francia o di Altamira in Spagna. Ma evidentemente facewall ha un fascino irresistibile, superiore a facebook, a cui è impossibile resistere. A meno di non pensare che i graffitari dell’ospedale siano normali zozzoni qualunque cui non interessa la cura della cosa comune. Ma questa sarebbe un’altra storia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l