Passa ai contenuti principali

Il sole della fontana sta tramontando

Oggi vi racconto la storia della Fontana del Sole, in via di Bravetta a Roma,

fontana che, a dispetto della sua bellezza e del suo richiamo al Sole del Bernini nella fontana della Barcaccia a piazza di Spagna, sta cadendo a pezzi, come potete già vedere in queste prime foto, scattate in esclusiva per noi dal fotografo Paolo Cerino.
La storia è stata ripresa dalla giornalista Ester Palma e pubblicata sul Corriere.it 

In via di Bravetta, a pochi metri dall'inizio di via della Pisana e di fronte alla costruzione militare di forte Aurelio, sorge una delle poche fontane monumentali della periferia romana. Fu costruita nel 1938 per celebrare l'arrivo in quella zona dell'acquedotto "Peschiera- Capore". Fu subito battezzata Fontana del Sole per il magnifico fregio che l'adorna, ispirato al più famoso Sole scolpito da Bernini per la Fontana della Barcaccia in piazza di Spagna.
Questo è il "mascherone" che adorna una delle punte della fontana della Barcaccia, di Bernini, in piazza di Spagna.
Gli anziani del quartiere, che ancora oggi amano rifornirsi di acqua fresca dall'unica bocchetta funzionante,


ricordano ancora come la fontana, oltre ad offrire refrigerio ai passanti, fosse usata dai cocchieri che fino agli anni 50 portavano i prodotti della campagna in città con il carro, per far abbeverare i cavalli e i muli.
La città si allargò velocemente e presto abbracciò anche la zona Pisana-Bravetta. Ma la fontana non perse il suo ruolo centrale nel quartiere: negli anni '60/70 nella fontana venivano messi in fresco i cocomeri del mitico "Pippo", il "cocomeraro" di zona.

Ma presto subentrò il disinteresse e poi il degrado. Oggi la fontana, nascosta ai passanti dalle auto in sosta, è in condizioni di totale abbandono: una delle due bocchette è asciutta da anni, 

il bellissimo mascherone in travertino che rappresenta il sole è stato imbrattato, vandalizzato e spaccato nella parte superiore, ed è corroso da ruggine e sporcizia.


Il retro mostra segni di cedimento strutturale e il tutto è inondato di muffe, muschio e immondizia.




Verrebbe spontaneo chiedere un intervento di restauro e valorizzazione, ma c'è qualcuno disposto ad ascoltare una richiesta del genere?
Se pensate di sì, fate girare questo articolo, diffondetelo e date voce alla povera Fontana del Sole!

Commenti

Unknown ha detto…
Ne vorrei leggere a migliaia di commenti riguardo alla Fontana del Sole di Via Bravetta, ma mi limito soltanto a dire che d'estate ogni volta che rientravo in zona era d'obbligo una fermata per dissetarsi e personalmente preferivo "la bocca del Sole"...
Unknown ha detto…
Ci beveva da ragazzo e penso che meriti una ripulita e un restauro per potergli ridare la luce che merita...
Non lasciamola alla storia del passato ma ad un presente ed un raggiante futuro..
Anonimo ha detto…
Stato vergogna la devi restaurare fà schifo cade a pezzi

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l