Passa ai contenuti principali

5.100 morti sulla strada in Italia ogni anno. Serviranno a farci rallentare?

Domenica mattina, sotto un sole abbagliante, ci siamo trovati in via dei Cerchi, a Roma, a fianco del Circo Massimo, per urlare il nostro sdegno contro l'indifferenza che accompagna la strage continua che ogni giorno si compie sulle nostre strade a causa degli incidenti stradali.
L'occasione ci è stata offerta dall'evento "Io dissuado".

Abbiamo urlato la nostra rabbia contro scene di queste genere...
...che sempre più spesso vediamo sulle strade del nostro Paese.

Abbiamo rappresentato la morte sulla strada, perché la morte smetta di fare acquisti quotidiani fra pedoni e ciclisti...



Abbiamo lanciato il nostro messaggio di pace...


...e abbiamo urlato il nostro "ALT" alla morte in strada
Servirà tutto questo a far capire ai conducenti di veicoli a motore che ridurre la velocità, non usare il telefonino alla guida, non guidare in stato di ebbrezza serve a ridurre la mattanza quotidiana?
Servirà tutto questo a far capire alle autorità che aumentare i controlli sulle strade, installare più autovelox, ritirare più patenti, impedire che criminali assassini possano continuare a guidare impunemente, serve a ridurre la mattanza quotidiana?
Volete conoscere il mio pensiero? Temo di no. Ed è una risposta atroce. Però penso anche che non posso essere connivente con questo stato di cose e così anche io oggi mi sono sdraiato per terra a via dei Cerchi, con in testa il mio caschetto e con le fascette catarifrangenti sulle caviglie.
Servirà tutto questo?

Commenti

Anonimo ha detto…
Ahimé hai proprio ragione, non sarà servito a far rallentare i soliti decerebrati del volante (che sono molti di più degli ubriachi al volante, credimi!).
Però queste iniziative servono per far sentire che non solo ci siamo anche noi, ma che siamo uniti e combattiamo per tutelare i ns diritti... diritto alla vita quantomeno.
Poi come al solito trovi il parac**o che si piazza bello bello sulle strisce e scivolo disabili per non dover fare 50 mt a piedi e la cosa migliore che auguro a questa gente (solitamente glielo urlo direttamente dentro al finestrino quando c'é l'occasione): una bella sedia a rotelle così avranno tutto il diritto di occupare gli scivoli disabili!

Mamaa

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l