Passa ai contenuti principali

Cinelli acciaio anni '90 - seconda parte

La storia della Cinelli anni '90 di cui al post precedente merita di essere raccontata. Giovedi' scorso mi scrive un'email Ventus (caro sodale di lavoro e di pedalate): ''BICICLETTA da corsa cinelli anno 1990 azzurro scuro ottimo stato vendesi.'' Ha trovato l'inserzione su uno dei mille siti di compravendita e, sapendo della mia ricerca, mi ha avvisato. Scrivo un sms...niente. Allora telefono: mi risponde una voce matura, sbrigativa, palesemente poco competente (alla domanda: ''di che misura e' la bici?'' la risposta e' ''boh, a me va bene''). Ci accordiamo per un incontro sabato pomeriggio, ai Castelli.

Mentre salgo lungo la via dei Laghi mi maledico, per il freddo e la pioggia che incontro. Il traffico e' impazzito ma, come il cielo vuole, ci incontriamo.

Massimo e' un ragazzone sui 45, schietto, che si vuole liberare di un ferrovecchio che ha in garage. Mi propone di andare a vedere la bici. Lo seguo in macchina: arriviamo ad una villetta isolata, un po' fuori paese. Entriamo nel garage. La bicicletta sta lì, l'espressione triste, appesa ad un portabici che la tiene in alto, le ruote sollevate quasi a certificarne l'inadeguatezza a toccare il suolo. Le giro intorno: è davvero una Cinelli


vedo che il telaio è in tubi Columbus SLX


E in quell'istante, in quel gelido garage, accade l'irreparabile. Sento che mi sto innamorando. La bicicletta blu mi guarda, ha un sussulto, sento un sussurro... ''portami via, ti prego''. Non può essere che lei ad avermi parlato. Non resisto, mi scappa la lacrimuccia ma riesco a trattenerla e faccio il duro. Con fare molto coatto, dico a Massimo ''ma come faccio a prènnella, e' ppiena de ruzza (ruggine)?'' E lui ''ma ddai, quanto me voi da' pe' portattela via?'' Lancio un'offerta provocatoria, inferiore del 30% al prezzo richiesto. Un attimo di esitazione, reggo bene lo sguardo amareggiato di Massimo che cerca di capire se sto bluffando. Poi cede... ''damme 'sti sordi e portatela via!''
Fatto, ho gia' la Cinelli in mano, la ruota anteriore smontata e messa al volo nel portabagagli...via, in 30 secondi sono gia' fuori del paese, nel timore che Massimo ci ripensi.

E' mia, la Cinelli sognata da anni. E' vero, non e' in piena salute, avra' bisogno di cure e affetto, ma volete mettere il fascino, il calore, il prestigio che questa anziana signora emana? Arrivo a casa e non resisto. Non c'e' sporco, polvere, ruggine che tengano: monto su e inizio a pedalare e...volo, come i bambini in ET, che sulle bici vanno verso il cielo, anche io, a ...anta e passa suonati, volo volo volo.

Grazie vecchia signora, con me avrai una nuova vita, non spericolata, ma intensa sicuramente, e pedalando insieme, insieme invecchieremo, con dignità.

Commenti

Beppe_Hod ha detto…
bellissima storia... me la sono vista davanti!

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …