Passa ai contenuti principali

La ciclabile Tevere nord non esiste più

Una bella mattina di fine febbraio: una famigliola decide di fare una passeggiata in bici sulla ciclabile Tevere nord. La imbocca all'inizio di via Capoprati. Pochi metri e...

...la ciclabile è interrotta per i lavori di costruzione del "ponte della musica" (lavori che, a vista, sembrano fermi da molte settimane). Per proseguire si deve salire una scaletta in metallo, portando la bici a braccia, perché la canalina per trascinare la bici è stata realizzata troppo vicina alla ringhiera della scala e i pedali strusciano.
Salita la scala, la famigliola arriva sul marciapiede che costeggia il lungotevere Maresciallo Diaz.
Percorsi 100 metri sul marciapiede, i nostri devono scendere per una ripida rampa, conducendo la bici a mano, come imposto dal segnale stradale, per ritorna sul tracciato originario. Prima interruzione.
La famigliola in bicicletta arriva a ponte Milvio, ma deve di nuovo salire una scomoda scala (anche qui la bici va portata a braccia) per proseguire sul tracciato dedicato. Seconda interruzione.

200 metri e...nuova interruzione, la terza. La pista si arresta in corrispondenza del viadotto di corso Francia e i ciclisti sono costretti a percorrere lo stretto e sudicio marciapiedi portando la bici a mano.
Ma la famigliola non si arrende e, sottopassato il viadotto di corso Francia, riprende la ciclabile. Supera le 4 barriere di fine pista poste in corrispondenza di altrettanti incroci con la viabilità ordinaria, sottopassa la ferrovia Roma nord percorrendo senza nessuna sicurezza via del Baiardo (quarta interruzione), ma ora è convinta di poter proseguire tranquillamente senza ulteriori interruzioni. Arriva al km. 4.500 della ciclabile, curva verso destra e...
...ahi ahi ahi, il ponticello è chiuso da due livelli di transenne metalliche, alte circa 2 metri, invalicabili. I nostri cercano con lo sguardo una alternativa, uno svincolo, o almeno un cartello che indichi come proseguire. Niente, il niente più assoluto, solo un cartello di pericolo generico, e basta. Non rimane loro che girare le biciclette e tornare mestamente indietro sui propri passi.

L'ultima immagine che rimane nei loro occhi è questa:
Due tricicli da bambino abbandonati lungo la ciclabile. Forse nemmeno i bambini hanno più speranza nel futuro ciclistico di Roma.

Commenti

Bikediablo ha detto…
Qui ci sono le foto che avevo fatto io a gennaio:
http://picasaweb.google.it/bikediablo/CiclabileTevereACapopratiLavoriInCorso

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto