Passa ai contenuti principali

Tema: "Uno spettacolo sportivo"

Tema: Spettacolo Sportivo

Svolgimento
Può sembrare strano ma è così, quest'estate mi sono innamorata, e voi penserete il solito tipo alto, attraente, biondo con gli occhi azzurri, ma stiamo sulla strada sbagliata. Mi sono appassionata delle parole di un uomo che tra una frase e l'altra tirava fuori il nome Rugby, non sapevo niente di quello sport anzi è già tanto che so come si scrive, avevo paura di quel nome perchè vedendo la faccia del giocatore avresti detto: Ma quanti denti ti sei fatto aggiustare? Quante volte ti sei rotto il naso? Ma.. Perchè? Perchè? Perchè non hai lasciato? alla fine è solo uno sport, No? No aveva risposto con aria piuttosto seria e delusa "No" la parola no mi angosciava, ma la tentazione, la curiosità, il desiderio.......Gli chiesi: "Insegnami". Dopo le regole, i consigli, e dopo i consigli mi ha spiegato: "Quando un tuo compagno ha la palla, lui ha bisogno di te, quando te hai la palla, allora qui tu hai bisogno di lui, perchè quando tu hai in mano l'ovale è come se custodissi la tua vita e quando 10 prepotenti cercheranno di rubartela,
ecco che intervengono i tuoi amici, a spingerti fino alla linea di meta, e quando, non tu ma voi l'avete superata siete pronti a ripartire per aiutare un altro compagno. Ma il sostegno non è solo girare intorno alle persone che già hanno aiuto, ma anche dirgli: "OHOH ce la puoi fare!" e strillare più forte: "Vai, vai, ci sei quasi, vai!" il tifo è la cosa più bella, sentire tante voci che gridano il tuo nome, la tua SQUADRA. Una cosa ancora più strana: io adesso ci gioco a Rugby."

Questo è lo svolgimento di un tema scritto in classe da una ragazza di 12 anni, trovato nel sito del Villa Pamphili Rugby

Commenti

Cristiano dalianera ha detto…
Stà ragazza di 12 anni ha talento nello scrivere. Il testo è emozionante.

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …