Passa ai contenuti principali

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta.
A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc":


Traduzione del testo (l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto):

  • l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo
  • ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare,
  • soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano
  • ovunque nel paese.
  • Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete
  • di piste ciclabili di alto livello?
  • Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che
  • le piste ciclabili siano sempre esistite.
  • Questo è solo parzialmente vero.
  • Sì, (nel passato) esistevano alcune piste ciclabili
  • ma erano del tutto diverse da quelle odierne.
  • Strette, di materiali scadenti, pericolose o addirittura assenti agli incroci e non collegate fra di loro.
  • E poi, in realtà, le piste ciclabili non erano indispensabili (in quell'epoca)
  • I ciclisti erano di gran lunga più numerosi di ogni altra forma di traffico.
  • Dopo la 2a Guerra Mondiale tutto mutò.
  • Gli olandesi dovettero ricostruire il loro paese
  • e divennero molto benestanti.
  • Dal 1948 al 1960
  • il reddito medio crebbe del 44%
  • fino ad uno strabiliante + 22% raggiunto nel 1970.
  • La gente ora poteva permettersi beni costosi.
  • E, soprattutto dal 1957 in poi, questo benessere portò molte automobili nelle strade.
  • Strade che, nella maggior parte delle vecchie città, non erano fatte per le automobili.
  • Così edifici vennero demoliti per lasciar posto alle automobili
  • ed anche alcune delle vecchie strutture per il ciclismo vennero distrutte.
  • Le piazze delle città furono trasformate in parcheggi
  • e il nuovo modello di sviluppo ebbe immense strade per il traffico motorizzato.
  • La distanza quotidiana media percorsa da un olandese passò da 3,9 km del 1957
  • a 23,2 nel 1975.
  • Ma i costi di questo progresso furono tremendi:
  • la mobilità in bicicletta divenne marginale, diminuendo del 6% ogni anno.
  • E 3.300 vite vennero perse
  • nel solo 1971.
  • Oltre 400 di questi morti
  • furono bambini sotto i 14 anni.
  • La mattanza di bambini
  • fece scendere la gente nelle strade
  • per protestare.
  • Stop agli assassinii di bambini.
  • Chiedevano strade più sicure per i bambini...
  • per i pedoni e per i ciclisti.
  • Le loro proteste furono ascoltate.
  • Soprattutto quando nel 1973
  • la prima crisi del petrolio fermò il paese.
  • L'allora primo ministro disse ai cittadini olandesi che quella crisi
  • avrebbe cambiato la vita.
  • Che il paese avrebbe dovuto cambiare strada e diventare meno dipendente dal petrolio.
  • Ma disse anche che quel cambiamento sarebbe potuto avvenire senza un peggioramento nella qualità della vita.
  • Le norme per incoraggiare la mobilità in bicicletta si adattavano perfettamente a questo scenario.
  • Le domeniche a piedi per risparmiare petrolio
  • servirono anche per far ricordare alla gente
  • come fossero le città senza automobili.
  • Proprio in quel periodo
  • i primi centri cittadini furono liberati dalle automobili
  • permanentemente.
  • E le proteste continuarono.
  • La motorizzazione di massa uccideva la gente,
  • le città e l'ambiente.
  • Manifestazioni di massa di ciclisti
  • attraverso le città dell'Olanda e minori iniziative di protesta in favore di
  • infrastrutture al servizio della mobilità in bicicletta
  • crearono quella consapevolezza che
  • alla fine portò ad un cambiamento del pensiero verso le politiche dei trasporti.
  • Alla metà degli anni '70
  • le cittadine iniziarono a sperimentare percorsi ciclabili completi e sicuri,
  • separati dal traffico (motorizzato)
  • Finanziate dal governo nazionale
  • le prime piste ciclabili furono create da zero 
  • a Tilburg e L'Aia.
  • Guardandole ora, quelle possono essere viste come l'inizio delle moderne politiche a favore della mobilità in bicicletta.
  • La mobilità in bicicletta crebbe in misura esponenziale:
  • all'Aia dal 30 al 60%.
  • E a Tilburg del 75%.
  • Il detto "Costruitele (le ciclabili) e (i ciclisti) verranno"
  • in Olanda si è dimostrato vero.
  • Quindi, per ricapitolare
  • cosa ha determinato il cambiamento in Olanda?
  • C'erano problemi di:
  • città che non potevano affrontare incrementi di traffico,
  • che portarono a demolizioni e a espropri di spazi pubblici
  • consegnati al traffico motorizzato;
  • un intollerabile numero di morti per incidenti stradali che portarono a proteste pubbliche di massa;
  • crisi petrolifere ed economiche che portarono alla penuria di benzina e ad alti
  • prezzi dell'energia.
  • La soluzione fu trovata nella volontà politica a livello nazionale e locale
  • dove entrambi i livelli parteciparono alle decisioni ed alla pianificazione degli interventi
  • per risolvere la situazione.
  • Allontanarsi da politiche centrate sull'automobile
  • per passare a soluzioni basate su trasporti alternativi all'auto,
  • come la mobilità su bicicletta.
  • Oggi la mobilità su bicicletta è parte integrante delle politiche dei trasporti
  • E quali risultati hanno portato le proteste?
  • Le morti dei bambini (per incidente stradale) sono passate da oltre 400
  • a 14 lo scorso anno.
  • Questa strada (riferito alle fotografie presentate) oggi ha la sua pista ciclabile.
  • Questo ponte non aveva la pista ciclabile,
  • invece oggi ce l'ha.
  • Questa pista ciclabile solo verniciata sul selciato
  • è diventata una pista ciclabile permanente,
  • e le macchine sono state definitivamente allontanate da questa zona.
  • Questo è il famoso posto dell'insegna "I Amsterdam"
  • nel passato uno dei primi luoghi delle proteste
  • I manifestanti sarebbero stati molto più comodi oggi a sdraiarsi per terra!
  • Questi non erano e non sono problemi esclusivi dell'Olanda 
  • e anche le soluzioni non dovrebbero esserlo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …