Passa ai contenuti principali

Mi sono mangiato il mondo. Incontro con Gabriele Rubini

Se chiedessi a miei contatti social "conosci Gabriele Rubini?" risponderebbe sì una parte del mondo romano del rugby. Ma pochi altri si aggiungerebbero al gruppetto. Se chiedessi invece "conosci Chef Rubio?" tanti in tutta Italia alzerebbero la mano, ricordando il protagonista dei celebri show televisivi su DMax.

Stasera però ho incontrato proprio Gabriele, aka Chef Rubio, in una veste ancora inconsueta per il suo pubblico: quella di scrittore-fotografo. E a farmene conoscere il talento e la profondità è stata la presentazione del suo libro fotografico "Mi sono mangiato il mondo", intervistato dal giornalista e amico Daniele Piervincenzi presso la libreria RED Feltrinelli di Roma.

E durante la conversazione, con Daniele Piervincenzi prima e con i presenti poi, è venuta fuori la natura di un ragazzo ricco di valori, di curiosità e di talenti. Sbaglierebbe, e di grosso, chi volesse incasellare Gabriele nel personaggio (peraltro divertentissimo) tv. Gabriele è un istrione, un fotografo, un poeta, un figlio (era presente alla presentazione la mamma di Gabriele), un ragazzo normale, un giramondo instancabile, un anticonformista, un serio professionista.
Abbiamo parlato un po' con Gabriele, partendo dal suo libro. Ecco alcune delle cose che ci ha detto.

"Perché ho fatto questo libro? Innanzitutto quando ero in giro per il mondo con la macchina fotografica, non pensavo di scattare queste foto per pubblicare un libro. Quando Rizzoli me l'ha chiesto ho pensato però che fosse una cosa buona. Perché? ad esempio per mio nipote, che quando sarà grande potrà dire "se l'ha fatto lui lo posso fare anche io". Ma anche perché stasera potrei avere un incidente e diventare tetraplegico e così mi potrei riguardare le cose che ho fatto. Oppure perché pur avendo una memoria di ferro potrei dimenticare improvvisamente tutto, e sarebbe bello poter ricostruire il mio passato."

"A me piace poter dare il mio punto di vista su cose che conosco. Ma non giro per il mondo solo per fare foto. Anzi, i viaggi più belli sono quelli che ho fatto senza la macchina fotografica, a volte per scelta a volte per necessità. Ricordo un viaggio in Islanda, quando per imperizia distrussi la costosa macchina fotografica che avevo con me. Non fu possibile riparla e quindi dovetti proseguire senza, e fu un viaggio stupendo."

"Dopo aver iniziato a fotografare con una compattina digitale, ho scoperto il mondo dell'analogico, dal quale non mi allontanerò più. Oggi uso una Leica m6 o una Nikon F2 (ndr: entrambe fotocamera a pellicola non più in produzione.) L'analogico è sicuramente più costoso e complesso del digitale, ma sicuramente mi costringe a riflettere prima di scattare.  Con il digitale scatti tutto e sempre: con l'analogico sai di avere un rullino con 36 scatti a disposizione. Allora prima guardi, poi capisci e poi, se sei convinto scatti, e ti sforzi di scattare bene, cercando, se possibile di entrare in relazione con la persona che fotografi".
Dalla pagina Instagram @chefrubiophotographer
L'aspetto che mi ha colpito di Gabriele è che, pur avendo opinioni nette, chiare su tanti aspetti del nostro mondo (e non si è certo tirato indietro quando il discorso si è addentrato su temi caldi come il bullismo o il turismo sessuale) non ha mai dato l'impressione di voler essere un maestro o un esempio da imitare, quanto piuttosto è apparso un uomo profondamente libero. Ad esempio Gabriele, che si è definito un uomo di sinistra/anarcoide, non ha avuto problemi a raccontare di un reportage fatto a Cuba, ovviamente dopo esserci stato ed averla girata in lungo e in largo, mostrandone oltre alle bellezze anche i problemi e le tragedie sociali, inimicandosi però per questo una serie di persone di "sinistra".
Una sorta di moderno Kapuściński, secondo l'accostamento proposto da Danieli Piervincenzi, armato più di fotocamera che di taccuino, anche se Gabriele è capace anche di scherzare sulla sua notorietà: "in Pakistan non ero noto come personaggio TV, ma sono diventato soggetto di decine di foto e selfie da parte degli abitanti dei villaggi dove passavo, e tutto a causa  dei miei tatuaggi." Ed è anche un sognatore: ha detto che gli piacerebbe fare il cantante per avere un pubblico enorme che dal vivo ascolti una sua canzone.

E questa libertà che manifesta Gabriele illumina anche il lettore del libro. Infatti le foto comprese nella raccolta, pubblicate dopo una lunga fase di selezione, sono state scelte in base alla sua sensibilità, ma con la libertà per ciascuno di apprezzarne una, tutte o qualche particolare. Ad esempio magari "ad una ragazza appassionata di moda potrebbe piace il colore o la foggia di un turbante in una mia immagine mentre io invece l'ho scelta perché c'è un agnellino sgozzato. Ma non mi piace per feticismo ma perché mi spiega una storia".

Insomma, stasera ho da fare. Sto iniziando un viaggio con un nuovo amico, Gabriele. O con Chef Rubio?

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

La via Crucis fra via della Pisana e Bravetta

In questi giorni della Settimana Santa sono tante le celebrazioni che animano i luoghi di Roma. Ma accanto alle grandi funzioni che richiamano nelle basiliche e nei luoghi storici migliaia di fedeli, si svolgono riti anche nelle tante periferie, riti che ci ricordano come Roma a volte sia un po' anche la somma di tanti piccoli paesini uno a fianco dell'altro, dove la fede si esprime con gesti semplici, ma ricchi di partecipazione e di Amore.

E così, numerosi fedeli sono accorsi la sera di lunedì 15 aprile per rievocare la passione di Nostro Signore Gesù Cristo attraverso il pio esercizio della via Crucis, celebrata nelle strade della XXXI prefettura, fra via della Pisana e via di Bravetta, nella periferia ovest della capitale.

Alla via Crucis, partita dalla chiesa di S. Maria della Perseveranza e conclusasi nella chiesa del SS Crocifisso, hanno partecipato il Vescovo ausiliare di settore, d. Paolo Selvadagi,  i religiosi e i fedeli delle sette parrocchie della prefettura:

San …

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …