Passa ai contenuti principali

Lunga vita alla pennichella, ovvero "la pennichella allunga la vita"

Molti di noi oggi, 7 gennaio, riprendono in pieno le attività lavorative dopo le vacanze di fine anno. Cosa c'è di meglio allora che parlare della "pennichella"? Come, obietterete, dopo la vacanze pure la pennichella? Certo, è stato accertato che la breve pausa di 20-30 minuti dopo il pranzo consente di ricaricare le batterie ed affrontare il pomeriggio con ritrovate energie.

E non sono io a dirlo, ma il "Journal of applied physiology", che riporta gli esiti di una ricerca sviluppata dalla "John Moores University" di Liverpool. Nello studio viene dimostrato che una pausa di riposo dopo pranzo è in grado di ridurre del 37% la mortalità per disfunzione coronarica a seguito dei profondi cambiamenti che si evidenziano nella funzione cardiovascolare durante il riposo in posizione supina.


E gli americani, che sono veloci a cogliere questi segnali, hanno già aperto un sito dedicato interamente alla pennica (in inglese "nap"). Qui vengono proposti servizi di consulenza alle aziende che vogliono allestire aree riservate alla pennichella dei propri dipendenti. Si parte dalla progettazione delle aree dedicate, alla fornitura di poltrone avveniristiche come questa
alla fornitura "chiavi in mano" di tutto il necessario per offrire un pisolino rigenerante agli impiegati.




Da noi le cose non sono ancora così sviluppate, ma qualcosa si muove. Ad esempio una società di Arona (NO) offre sul suo catalogo on line una poltrona (molto tradizionale nel design) per il pisolino in ufficio.


Nella mia esperienza personale, l'unica situazione in cui era consentito, anzi era un obbligo farlo, il pisolino, era all'asilo. E senza tanti fronzoli: seduti al banchetto con le mani sul tavolino e la testa poggiata sopra!! Da allora più niente, anzi, un crescendo di orari continuati, di giornate lavorative "no-break", altro che pisolino!

E dire che i nostri avi della Scuola medica Salernitana, già indicavano, nel Remedium Sanitatis "...post-prandium stabis, post coenam lente deambulabis (dopo il pranzo riposa, dopo cena passeggia lentamente)".

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto