Passa ai contenuti principali

Un politico non decide da solo

Ieri il capo della Lega nord, Umberto Bossi, secondo quanto riferisce il sito repubblica.it, ha dichiarato, riferendosi alle indagini giudiziarie su Mastella: "La magistratura agisce come se Mastella fosse l'unico responsabile, ma non è così. Si opera in gruppo. Non è vero che un solo politico sceglie, si sceglie in tanti".

In questa affermazione sincera vedo la risposta a molti problemi: è sbagliato parlare oggi di Mastella, come ieri di Craxi, che nel migliore dei casi diventano dei capri espiatori. Il recente libro di Rizzo e Stella non a caso porta come titolo "La casta", per riferirsi ad un sistema organico di potere, dove labili sono i reali confini fra opposizione e maggioranza, dove i comportamenti eticamente sensibili sono omologati, in tutte le regioni del paese ed a tutti i livelli (parlamento, regioni, province, comuni, municipi).

Il tema delle indagini sui coniugi Mastella è l'assegnazione di incarichi di responsabilità nella sanità campana. I 2, insieme ad altri personaggi, sono accusati di aver fatto indebite pressioni per ottenere la nomina di loro candidati, a scapito dei candidati migliori in possesso di titoli ed esperienze adeguate alla posizione da ricoprire.
La lettura dei quotidiani, e l'osservazione della realtà, fanno apparire evidente che questa prassi è purtroppo diffusa ovunque sul territorio, ed in tutti i settori della vita economica e sociale: appalti, università, enti pubblici, ricerca (per inciso, se questo è l'andazzo, non ha senso lamentarsi ciclicamente della cd fuga dei cervelli dall'Italia).

Viviamo in un sistema dove quindi spesso prevalgono non il merito, ma l'appartenenza, non l'autonomia di pensiero ma il servilismo, e questo vero e proprio sistema, al di là dei singoli casi, non può che impoverire il nostro paese.

E certamente, oltre le eventuali responsabilità penali da accertare, dobbiamo censurare con un forte, deciso giudizio etico queste persone e questi sistemi, indignandoci quando il capo di una fazione presente in parlamento non sente la vergogna di dire "lo facciamo tutti"!

Commenti

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Il 25 aprile ha ancora un senso?

Il 25 aprile ha ancora un senso? e se sì, quale? E' la domanda che stamattina è risuonata più volte fra i cittadini di Bravetta (un quartiere romano oggi pienamente inglobato dalla città ma fino a 70 anni fa in piena campagna) che si sono incontrati per onorare la memoria dei caduti della guerra di liberazione.

Due sono stati gli eventi: il primo la deposizione di una corona di alloro al cippo posto all'incrocio fra via di Bravetta e via della Pisana e dedicato alla memoria dei caduti del quartiere.

Il secondo, una riflessione comune in una zona simbolo della resistenza romana e dell'orrore della dominazione nazifascista: forte Bravetta, dove, fra gli altri, fu trucidato il 13 aprile 1944 don Giuseppe Morosini.

E quindi, che senso ha commemorare oggi il 25 aprile? Molte sono state le risposte, ma tutte convergenti verso un comune valore, quello della democrazia.

Il 25 aprile è la festa in cui non sono ammessi fraintendimenti, non sono possibili sfumature: la storia ha indi…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto