Passa ai contenuti principali

Siamo meglio noi o la Germania?

La città di Mannheim, nel Land meridionale del Baden-Württemberg, in Germania, ha promesso nei giorni scorsi di dare 50 euro a chi decide di acquistare una nuova bici.
L'operazione riguarderà solo i primi cento abitanti di Mannheim che si recheranno in un apposito ufficio del comune a partire dal 2 maggio. Riceverà il bonus chi ha acquistato una bicicletta da città, escluse quindi le mountain bikes o altri tipi di due ruote. L'obiettivo naturalmente è di incentivare i consumi, aiutare la produzione locale, con un occhio all'ambiente.
Da noi invece il governo ha stanziato quasi 9 milioni di euro per erogare bonus a chi acquista un veicolo a 2 ruote, moto e bici comprese. E questo già è un problema, perché le moto e gli scooter si papperanno una bella fetta di incentivi.
L'aspetto interessante è che per usufruire del bonus bici (30% del costo della bici e comunque fino ad un massimo di 700 euro) non bisogna rottamare niente. Però, e qui vengono le note dolenti, il bonus si applica al prezzo di listino, che già oggi i negozianti scontano abbondantemente (e quindi il beneficio netto non è poi così interessante) e poi perché il bonus si applica solo alle bici dei produttori che hanno aderito all'iniziativa. In realtà non sono pochi (sul sito del Ministero dell'Ambiente sono elencati ben 2887 modelli, fra bici "normali" e quelle con pedalata assistita, che usufruiscono del bonus, con prezzo di listino e sconto chiaramente indicati), ma la scelta non è libera.
Ammettiamo però che nell'elenco troviamo la bici che ci piace, ci applicano il bonus e ce la compriamo. E ora? proviamo a vedere qualche altra differenza con Mannheim (attenzione: con Mannheim, non con berlino, o Francoforte o Monaco di Baviera)?
Mannheim conta 256 chilometri di piste ciclabili, mentre il 16% del traffico è su due ruote. Secondo uno studio dell'Università di Dresda, la cittadina - che ha una popolazione di 325mila abitanti e un sindaco socialdemocratico, Peter Kurz - è al quinto posto nella classifica delle città tedesche più amichevoli nei confronti dei ciclisti.



E da noi? Roma ha ben 150 km di piste ciclabili. In teoria, perché la dorsale ciclabile "Tevere" oggi presenta due interruzioni ed uno stato generale di manutenzione scadente, per usare un'espressione cortese. La ciclabile Togliatti, peraltro mai inaugurata, è oggetto di appetiti lobbistici, la ciclabile della musica sta subendo le aggressioni dei costruttori degliimpianti per i mondiali di nuoto...insomma, se volete farvi un fegato così leggete il blog dell'amico Marco Ciclabili a Roma.

Ma il paragone fra nazioni è quello più impietoso: secondo il ministero dei Trasporti a Berlino, il traffico su due ruote in Germania è pari a circa il 10% del totale. Aumenta fortemente durante la buona stagione, cala in inverno. L'obiettivo del Governo federale è di portare la quota al 20% entro il 2020. Il Paese ha migliaia di chilometri di piste ciclabili e conta fino a 4.600 alberghi cyclist-friendly.
E da noi?

Commenti

Mammifero Bipede ha detto…
E da noi?Al solito: pessimismo, e fastidio!
:-(

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto


















Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …