Passa ai contenuti principali

Bici e fontane, un binomio inscindibile

Ricevo da un amico di Modena, e con grande piacere pubblico, questo divertente e incentivante cicloromanzo.

Caro mago ciclo, sperando che apprezzi, e con un implicito invito ad affrontare le salite appenniniche, ti spedisco questo cicloromanzo per fontanofili assetati.

Nella prima foto si vede una fontana che è posta ad una distanza di poco meno di 30 km da Modena. Dopo Castelvetro c’è una deviazione per la località di Ospitaletto (indicata a 10 Km, ma sembrano un po’ meno) a cui si arriva dopo una salita abbastanza continua di circa 6-7 km per un dislivello intorno ai 400 metri. E’ un test abbastanza impegnativo nei primi mesi di allenamento. L’acqua è buona anche se il tubo da cui esce è poco invitante: arrugginito e coperto di erba. L’acqua scarseggia quando ce ne sarebbe più bisogno: nella stagione calda e siccitosa, ma un filo ostinato esce praticamente sempre, anche nelle estati più torride. L’ombra è la mia così come la bici che mi accompagna ormai da 5 anni. Con calma si possono percorrere i 10 km indicati in circa 40 minuti spingendo arrivo a farcela in 32-33 minuti.

Quest’altra fontana è nota a tutti cicloamatori modenesi che la conoscono come “Funtaneina”. Si trova sulla strada Giardini detta anche dell’Abetone nel primo tratto in salita di 18 km che porta da Maranello (ancora pianura) a Serramazzoni (780 metri). Qui siamo ormai a 3 km da Serramazzoni poco sotto i 700 metri (ad occhio). A fianco della fontana c’è un ristorante al cui esterno una lapide ricorda che in un giro di Italia di non ricordo più quale anno a questa fontana bevve il mitico Fausto Coppi.
Il getto d’acqua fresca e dissetante è potente in primavera ma ad agosto e settembre resta spesso asciutto. Secondo il racconto di un anziano cicloamatore la sorgente a cui attinge la fontana si troverebbe sotto un cimitero. Lui afferma di non avere bevuto più alla “Funtaneina” da quando lo scoprì. Nel tratto Maranello-Serramazzoni le salite sono abbastanza dure ma non durano più di 2-3 km seguiti da pause di lunghezza più breve che consentono di tirare il fiato. La strada, soprattutto il sabato, è piuttosto trafficata soprattutto dalle moto che amano fare “le pieghe” consentite dal tracciato ampio e sinuoso della strada. Il mio tempo migliore tra Maranello e Serra è sui 52-53 minuti. Con calma si fa sui 65-68 minuti. Allenato la percorro con regolarità sotto l’ora.

L’ultima fontana è quella di Verica: si chiama così anche se il paese di Verica, noto in tutto la provincia modenese per una tipica pagnotta, dista qualche chilometro. Qui l’acqua è garantita praticamente sempre: forse la falda è più profonda o più abbondante. Non si sa e poco importa al ciclista assetato Io ci arrivo più spesso in discesa provenendo da Pavullo, dopo avere percorso una sessantina di chilometri (in tre ore circa). La discesa termina in una valle dove scorre il fiume Panaro ed una strada che prosegue fino a Vignola comodamente ma, attenzione, senza fontane. E da lì a Modena per ciclabile.

________________________________________________________
Il primo commento a questo post rimanda ad una foto che per comodità dei lettori riporto qui:
9 maggio 2009, durante il ciclopercorso Alviano - Tarquinia
Mammifero Bipede in francescana lauda dell'acqua

Commenti

Mammifero Bipede ha detto…
Una foto che ho fatto sabato:
http://lh6.ggpht.com/_5Axjvvky3Rc/SgXnYEJ8-1I/AAAAAAAAG9A/7Kvsh-aglww/s640/IMG_8063.JPG

In qualche paradossale maniera siamo in sintonia.
:-)
paolo ha detto…
Davvero una sorprendente coincidenza!
Per la "micro"precisione direi meglio "uno foto che ti hanno fatto" visto che sei il soggetto umano a fianco della fontana.

Post popolari in questo blog

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso. Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono: Efficacia antifurto Efficacia ancoraggio Valore della bici Luogo di sosta Durata della sosta mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio. Per iniziare tre regole ASSOLUTE: Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA , nemmeno per comprare il pane. Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte. Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico

Perché gli Olandesi vanno in bici? qui si parla delle ciclabili, ma anche di politica, economia, salute e vite umane

Guardare alle esperienze degli altri può essere di aiuto. Questo video spiega come hanno fatto gli olandesi a trasformare le loro città in amiche della bicicletta. A seguire ho inserito la traduzione in italiano dei testi, che possono anche essere letti direttamente sui sottotitoli in inglese cliccando su "cc": Traduzione del testo ( l'ordine segue, in via di massima, la sequenza delle slides. Ad ogni cambio di slide corrisponde, più o meno, un "a capo" del testo tradotto ): l'Olanda è il paese con la maggior percentuale di ciclisti al mondo ma è anche il posto più sicuro al mondo dove si possa pedalare, soprattutto grazie alle magnifiche infrastrutture a servizio dei ciclisti, che si trovano ovunque nel paese. Come hanno fatto gli olandesi ad ottenere questa rete di piste ciclabili di alto livello? Molti, compresi anche tanti olandesi, credono che le piste ciclabili siano sempre esistite. Questo è solo parzialmente vero. Sì, (nel passato)

La storia infinita dell'ex residence Bravetta

Il Corriere della Sera del 28 maggio dà notizia della condanna di Barbara Mezzaroma a 23 mesi di reclusione per aver demolito un palazzo nell’ex residence Bravetta, senza averne il permesso. La contestazione mossa all’amministratrice delegata di Impreme è di abuso in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, in violazione del testo unico sull’edilizia e del codice dei beni culturali e del paesaggio. La demolizione è avvenuta tra il 2015 e il 2017, mentre il Comune nel 2007 si era accordato con il gruppo Mezzaroma per la riqualificazione del residence, realizzato negli anni Settanta. Quello che a noi abitanti del quartiere risulta difficile da comprendere è il contenuto della decisione del giudici. Il giudice ha infatti stabilito che la Mezzaroma dovrà ricostruire l’immobile e pagare un risarcimento danni al Comune pari a 70 mila euro. Condizione questa cui è sottoposta la sospensione della pena. La domanda che noi ci poniamo è "ma il giudice ha presente cosa sia l