Passa ai contenuti principali

Una nuova rubrica: Il libro di Kricet

Da oggi parte su questo blog una nuova rubrica, "Il libro di Kricet". Sono consigli di lettura, o di "non lettura" che il nostro critico letterario, Kricet appunto, ci offrirà periodicamente. E, alla fine del consiglio, Kricet sintetizzarà, su una scala di valore crescente, da 1 a 3 a criceti, il suo giudizio. Se poi il giudizio fosse completamente negativo, il giudizio sarà sintetizzato da una gabbia per criceti vuota.

Si comincia con ‘Vita sentimentale di un camionista’, di Alicia Giménez-Bartlett, edizione Sellerio, 2004.

Vita sentimentale di un camionista è un quadro a tinte mogie sulla mediocrità della vita delle persone desolatamente comuni, che vivono mirando basso.

E’ una storia diluita che parla di solitudini e di orizzonti limitati senza portare da nessuna parte. Non c’è un epilogo, nè uno spunto critico esplicito, il che stupisce se si fa il paragone con Segreta Penelope (sempre della stessa autrice) in cui la narrazione è scandita dal ritmo di continue analisi-e-riprensioni.

Rafael, il protagonista, guida il camion, ha forse trentacinque anni ed è un bel tipo che sa di esserlo ma non ne fa particolare vanto. Ha una sua personale individualità anche se banale: ama il suo abitacolo, ama la solitudine e si rilassa guidando; frequenta bordelli spesso e volentieri. Quando Rafael entra nei ristoranti non si aggrega mai alla ciurma dei colleghi grossier e preferisce stare per conto suo, o magari con l’amico Luis. Ascolta canzoni romantiche e ha due ragazze che incontra con una certa frequenza. E’ un duro però, e si comporta sempre in modo che le sue fidanzate non si illudano, tuttavia con entrambe costruisce un rapporto squallido che poi finisce per turbarlo e infastidirlo profondamente. Rafael non si fa mai molte domande: il massimo della riflessione per lui è considerare fra sé e sé di saper prendere il meglio dalla vita: le prostitute più educate, le camicie pulite e stirate, la sua preziosa solitudine, una famiglia lontana ma ben sistemata, le sigarette il whisky e il cibo.

A proposito, è abbastanza scontato il fatto che il nostro eroe sia sposato e abbia due figlie piccole con le quali non ha quasi contatto affettivo. La moglie poi, è lo stilema della donna di casa: sola, assorbita dalle faccende, ordinata e con il sogno di aprire un negozio di abbigliamento per bambini insieme alla sua dirimpettaia. Basta, non vi racconto altro. Colpisce il fatto che i personaggi non dimostrino mai una nota di entusiasmo per alcunché.

Concludendo, il romanzo si legge molto bene e per un po’ è spassoso, ma presto ci si rende conto che non si gratta mai la superficie degli eventi e questo mi ha infastidita. Capisco che dietro ci sia l’intenzione dall’autrice di spingere il lettore a riflettere su un diffuso stato delle cose, ma, visto che il tema del romanzo è così abulico e inerte, non mi persuado di quale ‘grande comprensione’ si debba mai raggiungere dopo questo lavorio. Allora tanto vale guardare C’è Posta per te e la De Filippi.
Giudizio finale:


Alla prossima. Kricet

Commenti

Acer ha detto…
Oddìo Magociclo, un'entità aliena si è impadronita del tuo blog o hai appaltato lo spazio a una giornalista di panorama.it?

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …

L'acqua a Roma. 2017: fine di una spensieratezza millenaria

La grandezza di Roma nei secoli si è basata anche sulla grande capacità dei romani di gestire l'acqua, costruendo acquedotti, terme, bagni pubblici. Ovunque andassero, i romani provvedevano a far arrivare l'acqua nelle terre conquistate.
E per quasi tremila anni gli abitanti di Roma non si sono mai preoccupati della loro acqua.
Dovevamo arrivare al 2017 per doverci improvvisamente confrontare con la siccità, la penuria di acqua e l'onta delle turnazioni.
E oggi, forse ultima domenica del millenario periodo di spensieratezza idrica dei romani, ho fatto un giro per la città per documentare quanto l'acqua e il suo uso sia parte integrante della vita delle nostre strade.
Ecco cosa ho visto